Btp chiudono in calo, acquisti Bce fermano risalita spread

mercoledì 19 ottobre 2011 17:30
 

 MILANO, 19 ottobre (Reuters) - Chiusura in lieve calo per i
Btp che, associata ad un allentamento delle vendite sui
governativi tedeschi nel corso del pomeriggio, ha portato lo
spread Btp-Bund a risalire dai minimi di giornata.	
 I dubbi francesi riguardo l'allargamento della capacità di
credito dell'Efsf - e in particolare i rapporti tra quest'ultimo
e la Bce - sembrano aver portato la trattativa sul piano
anti-crisi europeo ad uno stallo, raffreddando ancora di più le
speranze di un accordo politico nel vertice Ue di questo fine
settimana o comunque in tempi brevi .	
 "Già le attese per questo vertice non erano più così forti,
normale che dopo certe dichiarazioni il mercato sia un po'
girato" commenta un trader da Milano. 	
 L'intervento della Bce, che nel pomeriggio è stata segnalata
sul mercato secondario con acquisti di carta italiana sul tratto
decennale, ha impedito un ulteriore allargamento dello spread
tra Btp e Bund , che ha terminato la seduta in
area 385-386 punti base, contro i 387 di ieri, dopo
un'accelerazione di oltre dieci punti, fino a 390, in scia alla
delusione del mercato per le indicazioni giunte dalla Francia.	
 Il Btp marzo 2022 - che a breve diventerà il
nuovo benchmark decennale italiano - chiude con un rendimento in
salita al 6,08%, dal 6,02% di ieri.      	
 "In questo momento chi fa veramente paura al mercato è la
Francia, anche oggi ha allargato su Germania" prosegue il
trader. "Se l'Efsf viene potenziato, alla Francia costerà
parecchi soldi; se non viene potenziato quasi sicuramente dovrà
intervenire pesantemente a sostegno delle proprie banche:
comunque vada la Francia perderà la tripla-A".	
 Acquista dunque particolare significato, a detta degli
operatori, l'appuntamento di domani con le aste a lunga francesi
e spagnole: Parigi offre fino a 7,5 miliardi di euro di bond a
due, tre, quattro e cinque anni, più 1,2-1,8 miliardi di
indicizzati, mentre da Madrid arrivano altri 3,25-4,25 miliardi
di carta sulle scadenze 2017, 2019 e 2021.	
 "Sono un grosso rischio, specialmente perché se si
incrementa la leva dell'Efsf, il rating francese finisce
decisamente sotto osservazione" conferma Vatsala Datta,
strategist di Lloyds Bank.	
 Lo spread Francia-Germania sul decennale 
allarga in chiusura di 2 punti base a quota 115. Due giorni fa
Moody's ha messo sotto osservazione l'outlook sul rating sovrano
di Parigi.	
 Stamane intanto il Tesoro italiano ha collocato 1,585
miliardi di euro del Btp 15 aprile 2016 nell'operazione odierna
di concambio riservata agli specialist, al prezzo di 99,115,
ritirando Btp agosto 2013, indicizzati settembre 2017 e Cct
sulle due scadenze 2015 e 2016 . 	
      	
============================ 17,25 ============================ 
  	
FUTURES BUND DICEMBRE        135,16   (-0,42)        	
FUTURES BTP DICEMBRE          99,81   (-0,13)   	
BTP 2 ANNI  (NOV 13)        95,55   (-0,35)   4,632% 
  	
BTP 10 ANNI (SET 21)       92,07   (-0,23)   5,902% 
  	
BTP 30 ANNI (SET 40) *    79,11   (-0,09)   6,743%	
* Quotazioni su Tradeweb in assenza di scambi su Mts	
========================  SPREAD (PB)========================== 
 	
                                             ULTIMA CHIUSURA 
	
TREASURY/BUND 10 ANNI  -11             -12    	
BTP/BUND 2 ANNI          391             395   	
BTP/BUND 10 ANNI       386             387  	
livelli minimo/massimo              378,6-389,8     373,9-392,7 
  	
BTP/BUND 30 ANNI       393             396  	
SPREAD BTP 2/10 ANNI                   127,0            --	
SPREAD BTP 10/30 ANNI                   --              82,7	
===============================================================	
	
 
 Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in
italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia