Crisi, sostegno pubblico non è servito a nulla in Ue - Tremonti

mercoledì 19 ottobre 2011 12:14
 

ROMA, 19 ottobre (Reuters) - Le politiche di sostegno all'economia varate dai principali Stati europei non sono servite a nulla, dice il ministro dell'Economia Giulio Tremonti.

"Non abbiamo dovuto salvare le banche, non abbiamo potuto dare sostegno all'economia perché non avevamo soldi dovendo contenere il debito. Una felix culpa, i sostegni non sono serviti a nulla", ha detto Tremonti analizzando le differenze nella politica di gestione della crisi economica tra Italia e altri Paesi europei.

"Tutta Europa sta piegando verso politiche di rigore nei conti pubblici. Questa è fondamentalmente la nuova struttura, la nuova filosofia europea", ha aggiunto il ministro intervenendo a Ostia all'inaugurazione dell'anno di studi della scuola tributaria della Guardia di finanza.

Tremonti in questi giorni è tornato nel mirino dei colleghi ministri per la sua politica di rigore nei conti pubblici. Molti ministri ritengono che il rilancio dell'economia passi attraverso il ricorso alla spesa pubblica e premono sul titolare dell'Economia perché allarghi i cordoni della borsa in vista del varo del decreto sviluppo.

(Giuseppe Fonte)

(Redazione Roma, reutersitaly@thomsonreuters.com, +39 06 85224393, Reuters Messaging: giuseppe.fonte.reuters.com@reuters.net)

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia