Grecia, sciopero generale di 48 ore,Parlamento vota su austerity

mercoledì 19 ottobre 2011 07:47
 

ATENE, 19 ottobre (Reuters) - In Grecia inizia oggi uno sciopero generale di 48 ore, la maggior protesta sindacale da diversi anni a questa parte, mentre il Parlamento si prepara a votare su nuove misure di austerità destinate a impedire un default che potrebbe provocare una crisi nella zona euro.

Ieri sera il primo ministro George Papandreou ha lanciato un ultimo appello in favore dell'austerity, paragonando la situazione che affronta la Grecia a una guerra e dicendo ai deputati del Pasok, il partito socialista al governo, che è loro dovere sostenere le nuove e rigide misure.

Papandreou può contare su una maggioranza di soli quattro seggi, ma dovrebbe comunque riuscire a vincere la prova parlamentare, forse anche grazie all'appoggio di qualche piccolo gruppo d'opposizione. Ma la disciplina di partito è a rischio e già lunedì scorso un deputato del Pasok si è dimesso per protesta e almeno altri due hanno minacciato di votare contro una parte del pacchetto.

Un primo voto sul complesso delle misure si terrà questa sera, mentre domani si voterà sulle singole parti del provvedimento.

Il pacchetto prevede forti tagli ai salari e alle pensioni dei dipendenti pubblici, aumenti delle tasse, una sospensione degli accordi salariali di settore e la fine di un tabù costituzionale, quello del licenziamento dei dipendenti della pubblica amministrazione.

Lo sciopero di oggi costringerà alla chiusura ministeri, aziende, servizi pubblici e anche negozi, e i manifestanti si ritroveranno davanti al parlamento, già teatro di duri scontri a giugno.

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia