Btp debole, occhi Bce su nuovo decennale, spread sopra 380

martedì 18 ottobre 2011 13:11
 

 MILANO, 18 ottobre (Reuters) - Mattinata all'insegna della
debolezza per il mercato obbligazionario italiano, colpito come
gli altri paesi periferici da un ritorno di pessimismo tra gli
investitori circa la risoluzione della crisi della zona euro.	
 Intorno a metà seduta le vendite portano il Btp settembre
2021 in calo di 30 centesimi a 92,42 punti con un
rendimento del 5,85% dal 5,81% della chiusura di ieri. Il nuovo
decennale a marzo 2022 , in calo di 20 punti base
in termini di prezzo, mostra un rendimento appena sotto il 6%,
dopo averlo superato stamattina risvegliando le attenzioni della
Bce.	
 "Questa mattina la Bce ha iniziato a farsi vedere quando il
rendimento del marzo '22 è andato al 6%. Non mi risultano
acquisti delle banche centrali, ma è bastata l'intenzione per
far scendere un po' il titolo, ma ora siamo di nuovo lì",
osserva un trader.	
 A fronte poi di una vera e propria corsa ai titoli di stato
della Germania , si allarga a 382 punti il
differenziale tra il decennale italiano e l'omologo tedesco
 dai 371 della chiusura di ieri, dopo un massimo
a un soffio da 384, ai massimi dal 4 ottobre.	
 "Ci risiamo, si stanno allargando gli spread con tutti i
paesi periferici, compresa Irlanda e Belgio. In primo piano
appare anche la Francia dopo il monito di Moody's. Non escludo
che possa arrivare un downgrade sul paese", dice il dealer
secondo cui questa eventualità "potrebbe portare a un'altra
tornata di vendite". "Questo è il segno che l'Europa è sempre
più spaccata e che siamo di nuovo in un clima di pessimismo".	
 A contribuire al cattivo umore dei mercati, oltre alla
decisione di Moody's di mettere sotto osservazione l'outlook
della Francia, è giunto anche l'indice Zew della Germania, più
debole delle attese, accompagnato dalla previsione di un suo
economista che non esclude una leggera recessione della prima
economia europea.  	
 Intanto, le aste di Grecia e Belgio su titoli a breve
termine hanno mostrato un lieve incremento dei rendimenti.	
Tornando all'Italia, le vendite si concentrano soprattutto
sulla parte breve della curva. "Erano i titoli che avevano
performato meglio, anche perchè ci sono meno acquisti delle
banche centrali e ora ci sono un po' di prese di beneficio",
dice un operatore.	
	
======================== 12,45 ============================  
 	
FUTURES BUND DICEMBRE        136,34   (+1,35)        	
FUTURES BTP DICEMBRE          99,18   (-0,29)   	
BTP 2 ANNI  (OTT 13) *     99,73   (-0,04)   4,455% 
  	
BTP 10 ANNI (SET 21) *    92,42   (-0,30)   5,850% 
  	
BTP 30 ANNI (SET 40) *    79,22   (-0,25)   6,732%	
 * Quotazioni su Tradeweb in assenza di scambi su Mts	
========================  SPREAD (PB)========================== 
 	
                                             ULTIMA CHIUSURA 
	
TREASURY/BUND 10 ANNI  -9,2           -10,8   	
BTP/BUND 2 ANNI          388             386   	
BTP/BUND 10 ANNI       382             371  	
livelli minimo/massimo              373,9-384,6     351,0-374,6 
  	
BTP/BUND 30 ANNI       384,5           386   	
=============================================================
 
 	
 Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano.
Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia	
 	
 

AGGIORNAMENTO

  • Italy
  • US
  • UK
  • Europe
Btp debole, occhi Bce su nuovo decennale, spread sopra 380 | Mercati | Bond | Reuters.com
    chart
  • FTSEMIB
    19,953.44
    +0.17%
  • FTSE Italia All-Share Index
    21,990.45
    +0.22%
  • Euronext 100
    964.21
    -0.35%