Grecia, zona euro spinge per maggiore sorveglianza Atene - fonti

martedì 18 ottobre 2011 11:43
 

BRUXELLES, 18 ottobre (Reuters) - Alcuni Paesi della zona euro vorrebbero una task force della Commissione europea con poteri speciali per sovraintendere alla vendita degli attivi del bilancio pubblico greco e l'amministrazione pubblica del paese all'interno di un piano, ancora da definire, per rendere più stretta la supervisione di Atene. E' quanto hanno riferito a Reuters fonti dell'Unione europea.

La proposta radicale, bollata da alcuni funzionari come una forma di colonialismo e che dovrebbe confrontarsi con una forte opposizione, testimonia la forte pressione perchè Atene adotti politiche di rigore, anche a costo di ridurne la sovranità del governo ellenico.

I leader della zona euro s'incontreranno domenica per discutere ulteriori misure di sostegno alla Grecia e misure di inasprimento del controllo su Atene sono in cima all'agenda.

Un funzionario ha riferito di un ampio sostegno per una più stretta supervisione di Atene, che ha fatto un progresso limitato sulle privatizzazioni e le altre riforme previste all'interno del piano di salvataggio.

"O questo o niente fondi" ha detto una fonte della zona euro, che sostiene l'idea di lasciare che una task force della Commissione "prenda il controllo di alcune funzioni proprie dello stato sovrano" per "consentire alla macchina di andare avanti".

Altre fonti, pur senza rilasciare un commento sulla proposta specifica, sottolineano come ci sia un ampio supporto per imporre un più forte controllo sulla politica di Atene.

"L'idea ha preso corpo in alcune capitali. Non c'è alternativa", dice ancora riferendosi alla proposta che significherebbe mandare ad Atene una squadra di alcune centinaia di tecnici.

La Commissione ha già distaccato piccoli gruppi di funzionari in Grecia nell'ambito del lavoro della cosiddetta troika Ue/Fmi/Bce. In aggiunta alcuni tecnici giunti da Bruxelles stanno affiancando quelli greci che lavorano sulla riforma fiscale e sull'utilizzo dei fondi strutturali europei.

"Il sostegno a una maggiore supervisione certamente c'è" dice un'altra fonte senza voler commentare direttamente l'ipotesi di una sorveglianza comunitaria su Atene molto più stretta dell'attuale.   Continua...