Legge Stabilità, altri tagli per forze ordine, Inps e statali

venerdì 14 ottobre 2011 18:44
 

ROMA, 14 ottobre (Reuters) - Nuovi tagli in vista per forze dell'ordine, guardia di finanza, dipendenti pubblici, enti previdenziali e anche Monopoli di Stato.

È quanto emerge dalla bozza della legge di Stabilità esaminata dal Consiglio dei ministri di oggi.

Carabinieri e polizia dovranno rinunciare a 60 milioni tra il 2012 e il 2013. Il taglio, da ripartire al 50% tra i due corpi di pubblica sicurezza, ammonta a 10 milioni nel 2012 e a 50 milioni nel 2013. Inoltre, si profila un taglio di 2 milioni il prossimo anno per le spese di vitto di carabinieri e Guardia di finanza impegnati in servizio d'ordine fuori sede.

Gli enti previdenziali Inps, Inpdap e Inail dovranno ridurre le proprie spese di "in misura non inferiore" a 60 milioni nel 2012, a 10 milioni nel 2013 e a 16,5 milioni dal 2014.

I dipendenti pubblici che lavorano meno di otto ore si vedranno negare i buoni pasto, eccetto chi lavora nei comparti sicurezza, difesa e ordine pubblico. Inoltre, chi partecipare ai concorsi di dirigente della pubblica amministrazione bisognerà pagare "un diritto di segreteria" tra i 10 e 15 euro.

Per "valorizzare le professionalità del personale scolastico", dal prossimo anno la legge di stabilità riduce del 15% i distacchi, le aspettative e i permessi del settore scuola.

Brutte notizie anche per le scuole autonome con meno di trecento alunni, che non potranno avere dirigenti scolastici con incarico a tempo indeterminato e saranno affidate "in reggenza" a dirigenti scolastici con incarichi in altre scuole della stessa tipologia.

L'amministrazione autonoma dei Monopoli di Stato dovrà rinunciare a 50 milioni dal prossimo anno.

Chi invece non subirà tagli è il ministero per i Beni e le attività culturali retto da Giancarlo Galan, che parteciperà agli obiettivi di riduzione della spesa pubblica attraverso lo sblocco delle giacenze di cassa.   Continua...