Dl sviluppo, Pdl chiede a Berlusconi che non sia a costo zero

venerdì 14 ottobre 2011 11:51
 

ROMA, 14 ottobre (Reuters) - Dopo la richiesta arrivata ieri dal ministro degli Esteri Franco Frattini, oggi è l'intero gruppo del Pdl a chiedere al presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, che il decreto sviluppo non sia a costo zero.

La richiesta è stata rivolta dal capogruppo alla Camera, Fabrizio Cicchitto, nel corso dell'intervento in aula per esprimere le dichiarazioni di voto sulla fiducia da accordare a breve all'esecutivo.

Rivolgendosi direttamente al premier, seduto in aula, Cicchitto ha detto che "sul futuro decreto per la crescita noi come gruppo Pdl auspichiamo che non sia a costo zero".

Tale posizione è in contrasto con la linea del ministro dell'Economia, Giulio Tremonti, che invece punta a un decreto senza esborsi.

Cicchitto ha ribadito che qualora il governo non ottenesse oggi la fiducia non ci sarebbe altra soluzione che il voto anticipato e, sicuro che questo non avverrà, ha invitato l'esecutivo ad approvare le riforme istituzionali - nuova legge elettorale compresa - e a varare i provvedimenti economici necessari per abbattere il debito pubblico e rilanciare la crescita.

A causa delle tensioni interne al governo il decreto sviluppo, annunciato per metà ottobre, finora non ha visto la luce.

(Redazione Roma, reutersitaly@thomsonreuters.com, +39 06 85224245, Reuters Messaging: francesca.piscioneri.reuters.com@reuters.net) Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia