Tassazione 12,5% Btp è unicum, da armonizzare in futuro- Bankitalia

giovedì 13 ottobre 2011 16:36
 

ROMA, 13 ottobre (Reuters) - La tassazione agevolata al 12,5% prevista per i titoli pubblici italiani è un "unicum" nella Ue e dovrebbe essere armonizzata al 20% delle altre aliquote una volta che i mercati siano tornati tranquilli.

Lo ha detto Vieri Ceriani, capo del servizio rapporti fiscali della Banca d'Italia, in una audizione al Senato sulla riforma fiscale che contiene l'armonizzazione al 20% delle aliquote sui redditi di capitale, con eccezione per i titoli di Stato, che restano al 12,5%.

"In prospettiva, una volta ripristinate più ordinate condizioni sui mercati finanziari e superata la crisi dei debiti sovrani, l'articolazione delle aliquote dovrebbe essere riconsiderata nell'ottica della piena unificazione", ha detto Ceriani.

Il capo del servizio rapporti fiscali della Banca d'Italia osserva nel suo intervento che con questa agevolazione "deriverà una probabile segmentazione del mercato obbligazionario, con la creazione di un'area di vantaggio per i titoli pubblici italiani e di altri paesi della white list e un possibile spiazzamento degli strumenti di raccolta delle imprese private, che risentirebbero dell'aumento del costo del finanziamento con debito".

Anche avere assimilato i buoni postali ai titoli di Stato, secondo Ceriani, "potrebbe determinare svantaggi competitivi per la raccolta delle banche".

(Redazione Roma, reutersitaly@thomsonreuters.com, +39 06 85224354, Reuters Messaging: stefano.bernabei.reuters.com@reuters.net) Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia