13 ottobre 2011 / 10:25 / 6 anni fa

PUNTO 2-Berlusconi punta a 2013, boccia voto e governo tecnico

* Berlusconi loda Napolitano, ironizza su assenza opposizione

* Governo avanti contro sfascisti e pessimisti

* Dopo fiducia nuovo ddl redinconto in Senato (Aggiunge dichiarazioni premier a paragrafo 8, posizione Radicali)

di Francesca Piscioneri

ROMA, 13 ottobre (Reuters) - Il governo va avanti perché non ci sono alternative credibili in grado di affrontare la crisi economica, e non ci sono margini né per un voto anticipato, né per un esecutivo tecnico.

Lo ha detto stamani il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, tornando nell‘aula di Montecitorio a chiedere la fiducia al suo governo dopo la bocciatura del rendiconto generale dello Stato di due giorni fa.

“Siamo consapevoli dei rischi che corre il Paese. I tempi imposti dai mercati non sono compatibili con le liturgie politiche, siamo l‘unico soggetto democraticamente abilitato a difendere gli interessi nazionali qui e ora con l‘urgenza della crisi”, ha detto Berlusconi accolto da un applauso dagli scranni di Pdl e Lega.

Il premier ha parlato in un‘aula piena solo a metà per l‘assenza delle opposizioni. Hanno fatto eccezione i Radicali che, presenti in aula, si sono sospesi dal gruppo del Pd nelle cui liste sono stati eletti.

GOVERNO NON CADE SU RENDICONTO, NUOVO TESTO IN SENATO

Pur ammettendo la “gravità” della bocciatura dell‘articolo 1 del rendiconto e chiedendo “personalmente scusa”, Berlusconi insiste: “Il governo comunque andrà avanti senza farsi condizionare da nulla se non dalla Costituzione e dagli impegni europei”.

“Votare il rendiconto è un atto dovuto e dopo questo dibattito il governo presenterà in Senato un nuovo provvedimento in un solo articolo”, ha spiegato il premier precisando però che “dopo il voto negativo di una Camera parlare di sfiducia è improprio perché si tratta di un provvedimento solo contabile”.

“A chi ci chiede un passo indietro rispondo che mai come ora sentiamo la responsabilità a non accondiscendere a questa richiesta. Non ci sono alternative credibili [al mio governo]. Le elezioni anticipate non sono una soluzione ai problemi che abbiamo”, ha sostenuto il premier alla cui sinistra sedeva un annoiato Umberto Bossi che ha sbadigliato più volte durante la mezz‘ora di discorso.

Il premier ha anche chiuso la porta a qualunque ipotesi di governo tecnico che “non avrebbe la forza [che abbiamo noi] e mai si sottoporrebbe al giudizio degli elettori”. Un cambio di governo in corsa, anzi, “aumenterebbe la diffidenza e il dispregio [da parte dei cittadini] che il partito degli sfascisti lavora a tempo pieno per diffondere”.

Se il governo dovesse cadere, è il messaggio, “la parola deve tornare agli elettori”.

NAPOLITANO IMPECCABILE, OPPOSIZIONE DIVISA ANZI SPARITA

Berlusconi ha lodato, in un passaggio, il ruolo di vigilanza esercitato dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano definendolo “impeccabile”. Napolitano, dopo che la maggioranza di governo ha fatto mancare i voti per approvare il rendiconto 2010, caso inedito nella storia parlamentare, ha strigliato Berlusconi chiedendogli di dare prova che il suo governo non solo possiede una maggioranza numerica ma ha la forza per gestire il Paese. Il capo dello Stato ha anche invitato Berlusconi a fornire egli stesso, nell‘intervento di oggi, la soluzione all‘impasse determinata dalla bocciatura della norma che certifica la bontà dei conti dello Stato.

Il premier ha usato parole ironiche nei confronti dei partiti di minoranza - “Le opposizioni sono divise, frastagliate, addirittura sparite” - che chiedono a gran voce le sue dimissioni e hanno deciso di non presentarsi in aula oggi per ascoltare il suo discorso che prelude al voto previsto per domani.

Limitandosi ad elencare i titoli delle riforme che il suo governo intende approvare - decreto sviluppo, riforma fiscale, riforma istituzionale - e che per il momento ritardano ad essere messe a punto, Berlusconi mostra il consueto ottimismo.

“L‘Italia ce la fa, ce la farà e potrà rilanciarsi battendo il partito dei pessimisti”.

(In Redazione a Roma Giselda Vagnoni, reutersitaly@thomsonreuters.com, +39 06 85224245, Reuters Messaging: francesca.piscioneri.reuters.com@reuters.net) Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below