PUNTO 3 - Governo rinvia legge Stabilità, scontro Romani-Tremonti

giovedì 13 ottobre 2011 18:57
 

* Consiglio dei ministri si aggiorna a dopo fiducia

* Romani: "Grave danno" sottrarre risorse a banda larga e tlc

* Frattini chiede che decreto sviluppo non sia a costo zero (Riscrive aggiungendo nota Romani e contesto)

di Giuseppe Fonte e Alberto Sisto

ROMA, 13 ottobre (Reuters) - Il Consiglio dei ministri ha rinviato a domani l'esame della legge di Stabilità e il nuovo disegno di legge sul rendiconto generale dello Stato per le nuove tensioni al suo interno.

Lo stallo si è verificato pochi minuti prima che Silvio Berlusconi si recasse alla Camera per chiedere un voto di fiducia che dimostri la capacità dell'esecutivo di guidare il paese attraverso la crisi della zona euro.

Il ministro dello Sviluppo, Paolo Romani, critica il titolare dell'Economia Giulio Tremonti per non averlo consultato nella stesura della Legge di stabilità.

Lo scontro, anticipato a Reuters da diverse fonti governative, esplode apertamente nel pomeriggio, quando Romani dirama una nota in cui definisce un "grave danno" sottrarre risorse alla banda larga e alle telecomunicazioni.

La bozza della legge di stabilità prevede infatti che il maggior gettito incassato dallo Stato rispetto alle previsioni, pari a circa 1,6 miliardi, vada per il 50% al fondo per l'ammortamento dei titoli di Stato e per il 50% al fondo a favore dell'istruzione previsto dal decreto 5 del 2009.   Continua...