Decreto sviluppo, prima ok in Cdm a legge Stabilità - Gasparri (Pdl)

venerdì 7 ottobre 2011 10:44
 

ROMA, 7 ottobre (Reuters) - Prima di procedere al varo del decreto sviluppo il Consiglio dei ministri approverà entro metà ottobre la legge di Stabilità per il 2012, la nuova Finanziaria.

Lo ha detto il presidente dei senatori del Pdl Maurizio Gasparri a margine di un seminario a Spineto (Siena) al quale parteciperà anche il governatore della Banca d'Italia Mario Draghi.

"Il 15 ottobre ci sarà per legge la necessità di presentare la legge di Stabilità, la ex Finanziaria, poi subito dopo si può passare a questa misura", ha detto il senatore aggiungendo che il decreto sviluppo "non è rimandato sine die".

La partita sul decreto, il cui varo ieri è stato posticipato al 20 ottobre, è legata a doppio filo al varo della legge di Stabilità, che deve recepire gli effetti finanziari della manovra.

Il ministro dell'Economia Giulio Tremonti vuole che il decreto sia a invarianza di saldo, cioè rispetti gli equilibri tra entrate e uscite previste nella Legge di stabilità. Qualsiasi nuova spesa dovrà dunque essere finanziata con risparmi in altri capitoli del bilancio.

Tremonti mira quindi a blindare la manovra prima di raggiungere un accordo sul decreto sviluppo.

Ma, alla Legge di stabilità manca un tassello, quello dei tagli ai ministeri: 7 miliardi nel 2012, 6 nel 2013 e 5 nel 2014. Ciascun dicastero avrebbe dovuto far pervenire entro martedì 4 ottobre i capitoli di spesa da ridurre per centrare gli obiettivi ma mancano diversi ministri all'appello.

Il ritardo è legato al dissidio tra Tremonti e gli altri colleghi sull'entità dei risparmi.

Gasparri ha detto anche che non ritiene necessaria una ulteriore manovra sui conti.   Continua...