Cds, periferici in calo, Italia -18 pb a 450

giovedì 6 ottobre 2011 12:15
 

LONDRA, 6 ottobre (Reuters) - Il costo per assicurare il debito dei paesi periferici della zona euro dal rischio default è in calo, oggi, grazie ai crescenti segnali di disponibilità dei governi e delle istituzioni europee ad affrontare la questione della ricapitalizzazione delle banche, stemperando così l'ansia degli investitori sulla crisi europea.

"Sembra che il mercato si sia convinto e stia speculando su una soluzione di ampio raggio da parte del mondo politico", dice un analista di WestLB. "Il timore è che ci sia abbondante spazio per una delusione".

I credit default swaps (CDS) a cinque anni sui titoli di stato italiani sono in calo di 18 punti base a 450 punti, secondo i dati Markit. Questo significa che costa 450.000 euro proteggere 10 milioni di euro di esposizione ai bond italiani.

I CDS spagnoli scendono di 14 punti base a 357, quelli portoghesi perdono 19 punti a 1.120 punti base e i Cds del Belgio sono in calo di 16 punti a 277.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia