Grecia, aerei a terra e scuole chiuse per sciopero statali

mercoledì 5 ottobre 2011 10:33
 

ATENE, 5 ottobre (Reuters) - di Renee Maltezou

Aerei e treni fermi e uffici delle imposte chiusi oggi in Grecia per lo sciopero degli statali contro le misure di austerity varate dal governo nel tentativo di evitare la bancarotta.

Alcune scuole statali sono rimaste chiuse e gli ospedali operano solo con il personale per le emergenze, in occasione del primo sciopero nazionale dopo la tregua estiva contro i tagli degli stipendi e i licenziamenti imposti da Ue e Fmi.

I principali sindacati del Paese, Adedy e Gsee, si aspettano che centinaia di migliaia di persone scioperino e che migliaia vadano in corteo.

"Purtroppo le nuove misure stanno solo estendendo l'ingiustizia e le politiche barbare che prosciugano i diritti e le entrate dei lavoratori e spingono l'economia verso la recessione e il debito", ha detto a Reuters il portavoce di Gsee, Stathis Anestis.

"Con questo sciopero, il governo, l'Ue e l'Fmi saranno costretti a riconsiderare queste politiche disastrose", ha aggiunto Anestis.

Il governo greco ha scosso i mercati finanziari internazionali questa settimana annunciando che non centrerà gli obiettivi di deficit per il 2011 posti come condizioni per i prestiti concessi per evitare la bancarotta.

Il ministro delle Finanze Evangelos Venizelos ieri ha detto che le finanze del Paese quest'anno potrebbero peggiorare ulteriormente se la Grecia non riesce a realizzare le riforme e mostrare "coesione e solidarietà nazionale".

Impiegati statali, studenti e pensionati hanno iniziato a raccogliersi nel centro di Atene alle 10, per poi marciare verso Piazza Syntagma e protestare davanti al Parlamento.   Continua...