G20, sette stati chiedono a zona euro e Usa azione contro squilibri

giovedì 22 settembre 2011 14:12
 

22 settembre (Reuters) - I leader di sette dei paesi del G20 hanno inviato una lettera alla presidenza francese del gruppo, chiedendo un'azione decisa per aiutare l'economia mondiale a uscire da una recessione profonda e prolungata.

La lettera chiede ai paesi della zona euro di intervenire rapidamente per la soluzione della crisi del debito e agli Stati Uniti - insieme agli altri paesi sviluppati ad alto deficit - di superare gli ostacoli rimasti per riportare le proprie finanze su un tracciato si sostenibilità di medio termine.

"Per molte economie avanzate il percorso d'uscita da una recessione profonda e prolungata sarà difficoltoso. Ciò avrà un impatto sulla crescita nei mercati emergenti e impone spazi di manovra più limitati rispetto al 2009" si legge nella lettera, firmata dai leader di Gran Bretagna, Australia, Canada, Messico, Sud Africa, Corea del Sud e Indonesia.

(Redazione Milano, Reutersitaly@thomsonreuters.com, +39 02 66129743, Reuters messaging: giulio.piovaccari.reuters@reuters.net)

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia