PUNTO 1-Downgrade S&P's scontato, spread scende a 384 pb

martedì 20 settembre 2011 10:42
 

(Aggiunge commenti e aggiorna quotazioni)

MILANO, 20 settembre (Reuters) - Il downgrade di un notch del rating italiano da parte di Standard and Poor's sembra essere stato digerito dal mercato, che aveva già incorporato nei prezzi dei titoli di Stato italiani una simile eventualità.

Dopo aver sfiorato i 400 punti base nei primi illiquidi scambi dai 380 di ieri sera, lo spread tra Btp e Bund a 10 anni è sceso, intorno alle 10,30, a 384 punti base , mentre il rendimento del decennale italiano, che ieri in chiusura era al 5,59%, intorno alle 10,30 italiane tratta al 5,61% dopo aver toccato un picco del 5,73%. .

Lo scorso 5 agosto - prima dell'avvio dell'intervento della Bce a sostegno dei titoli di Stato italiani e spagnoli - lo spread aveva toccato il massimo storico dall'introduzione dell'euro, volando a 416 punti base, mentre il rendimento del decennale aveva sfiorato il 6,4%,

In parallelo con il recupero dell'obbligazionario, anche Piazza Affari, dopo un avvio pesante, annulla le perdite e muove al rialzo. Intorno alle 10,30 il FTSE Mib avanza di circa lo 0,7%.

"Lo spread già prezzava il downgrade, e quindi lo scossone tutto sommato non è stato eccessivo" oseerva Alessandro Giansanti, strategist di Ing. Analogo il commento di un operatore di una delle principali banche italiane. "Il downgrade era già nei prezzi, e quindi il mercato tutto sommato ha tenuto".

Le banche centrali hanno fatto sentire comunque la loro presenza, chiedendo i prezzi.

"La Bce dovrà continuare con il suo programma di acquisto bond, finchè il fondo salva-stati [Efsf] non sarà in grado di assolvere a questo compito" sottolinea Giansanti, che ricorda come ottobre sarà un mese "pesante" per il mercato primario.

"Il Tesoro dovrà emettere titoli per 18 miliardi di euro, e non potrà contare su alcun rimborso come invece è successo a settembre", conclude.   Continua...