Derivati Pisa, Cons.Stato nomina Cannata per consulenza su costi

giovedì 15 settembre 2011 13:27
 

FIRENZE, 15 settembre (Reuters) - Il Consiglio di Stato ha disposto una consulenza tecnica d'ufficio per accertare se gli swap stipulati dalla Provincia di Pisa con le banche Dexia Crediop e Depfa Bank "siano stati caratterizzati o meno da costi impliciti non dichiarati ovvero non conoscibili".

Lo si legge nell'ordinanza depositata il 12 settembre scorso, letta da Reuters.

Il consulente, individuato in Maria Cannata, dirigente generale e capo della direzione Debito Pubblico del dipartimento del Tesoro, avrà tempo fino al 10 novembre prossimo per svolgere la consulenza e per redigere una relazione che dovrà essere depositata entro il 30 novembre.

In particolare, il Ctu dovrà verificare "se ci sono stati costi impliciti non dichiarati" ed eventualmente "se ed in che modo questi ultimi dovevano essere fatti presenti dalle predette banche e se gli stessi erano o meno conoscibili direttamente dall'amministrazione".

Inoltre "qualora vi siano costi impliciti" la consulenza dovrà dire "se i derivati sottoscritti per ristrutturare il debito possano essere considerati convenienti economicamente per l'amministrazione provinciale di Pisa".

"Con la decisione relativa alla consulenza tecnica d'ufficio sui costi impliciti e non dichiarati, il giudizio sui derivati riceve un nuovo, positivo impegno" commenta il direttore generale della provincia di Pisa, Giuliano Palagi.

"I quesiti formulati sono molto chiari e mirati, con tempi di lavoro giustamente concentrati. Esprimiamo grande apprezzamento per la tempestiva decisione istruttoria e assicuriamo la più ampia disponibilità a fornire il nostro contributo al giudice delegato e al consulente tecnico con i nostri esperti" ha detto Palagi.