Italia, Ue non prevede ulteriore impatto su crescita 2011 da manovra - Rehn

giovedì 15 settembre 2011 11:59
 

MILANO, 15 settembre (Reuters) - La Commissione europea non prevede che la manovra italiana, che ha ricevuto ieri sera il sì definitivo della Camera, avrà impatto sulla crescita quest'anno, ha detto il Commissario per gli Affari economici e monetari, Olli Rehn durante una conferenza stampa. "Riguardo all'Italia non ci aspettiamo alcun impatto sulla crescita del Pil dalla manovra finanziaria poiché le misure addizionali adottate hanno ricadute dal 2012 al 2014", ha detto Rehn.

Parlando della Grecia, il commissario ha aggiunto che il governo ha preso misure importanti per centrare gli obiettivi di bilancio 2011 e che, una volta terminato l'esame della troika (Ue, Bce, Fmi), l'Ue dovrebbe essere in grado di procedere con l'esborso della nuova tranche di aiuti.

(Redazione Milano)