SINTESI- Italia, 2009 peggio di 2008, rischio credito - Tremonti

giovedì 5 marzo 2009 16:15
 

(Accorpa pezzi, aggiunge dichiarazioni Tremonti e contesto)

di Giuseppe Fonte

ROMA, 5 marzo (Reuters) - Il 2009 sarà per l'economia italiana ancora più difficile del 2008 e serve uno sforzo collettivo per evitare "il rischio dei rischi" della stretta creditizia.

Questo il messaggio che il ministro dell'Economia, Giulio Tremonti, ha lanciato oggi nell'incontro con banche, imprese e parti sociali sul credito dopo che mercoledì Bankitalia ha indicato un calo del 2,6% del Pil per l'anno in corso per via del risultato particolarmente negativo con cui l'Italia ha chiuso l'ultimo trimestre del 2008.

Il 2008 si è chiuso con un calo del Pil dell'1%, secondo dati Istat.

"Il 2009 sarà un anno ancora più difficile del 2008. Il che è tutto dire. Come tante volte abbiamo detto - guardando oltre tutte le congetture - siamo e sappiamo di essere in terra incognita", ha detto Tremonti aprendo la prima riunione del Credit and liquidity day.

Per Tremonti "è assolutamente strategico contrastare il rischio dei rischi, la stretta creditizia in cui si avvitano prima le imprese, poi i lavoratori e infine le stesse banche".

La crisi si fa quindi sentire e per ridurne l'impatto occorre mettere in campo "strumenti nuovi" ma anche "verificare gli strumenti già in essere", ha detto il ministro.   Continua...