Btp lunghi in rialzo, più largo spread Bund dopo calo borse

giovedì 5 marzo 2009 17:39
 

 MILANO, 5 marzo (Reuters) - I Btp a lunga scadenza chiudono
un rialzo una seduta che ha visto il taglio dei tassi di
riferimento della zona euro di 50 punti base, in linea con le
attese del mercato.
 Il benchmark a due anni febbraio 2011 non è invece scambiato
su Mts e sugli schermi Reuters appare in calo.
 Si è allargato rispetto ai livelli della mattinata lo spread
con la ripresa dei Bund dopo il calo delle borse, con il futures
sul decennale di riferimento che è oscillato di oltre 1,50 punti
fra 124,29 e 125,82. Nella prima parte della seduta il
differenziale si muoveva attorno ai 145 punti base.
 "È stata una giornata sull'ottovolante, con il peggioramento
delle borse che ha determinato la ripresa dell'obbligazionario.
Non ha sorpreso invece la mossa della Bce, né quella della Banca
d'Inghilterra" dice un trader. 
 In linea alle attese di mercato e analisti, al termine del
consiglio mensile di politica monetaria la Banca centrale
europea ha varato una nuova riduzione del tasso di riferimento,
abbassandolo di mezzo punto al nuovo minimo storico dell'1,5%.
 Anche la Banca d'Inghilterra, in linea con le aspettative di
mercato e analisti, ha annunciato un taglio dei tassi di
riferimento da 50 punti base, portandoli al nuovo minimo di 0,5%
dal precedente 1,0%.
 Ad appesantire le borse i seri dubbi espressi da General
Motors (GM.N: Quotazione) sulla propria capacità di continuità aziendale. La
società ha sottolineato che il futuro dipenderà dall'abilità di
eseguire il piano di fattibilità. Nel caso di incapacità di
procedere, con la continuità aziendale, l'azienda potrebbe
essere costretta a portare i libri in tribunale.
 A pesare hanno concorso anche le stime dello staff della
Bce, che ha dasticamente tagliato le sue proiezioni
macroeconomiche rispetto a dicembre. 
 Lo staff della Bce si aspetta per la zona euro una crescita
del Pil negativa nel 2009 compresa fra -3,2% e -2,2%, mentre le
stime relative al 2010 sono in uno spettro compreso fra -0,7% e
+0,7%. Anche per l'inflazione le stime sono state ridotte, con
una proiezione di 0,1/0,7% per il 2009 da 1,1/1,7% delle
previsioni di dicembre, e di 0,6/1,4% per il 2010 da 1,5/2,1%.
 Per leggere l'articolo sulle proiezioni dello staff cliccare
su [ID:nL5421669]
 I titoli di stato della zona euro hanno quindi ben digerito
emissioni in giornata per un ammontare complessivo di circa 11
miliardi. La Francia ha oggi collocato Oat per 6,92 miliardi di
euro e la Spagna 4,013 dei suoi titoli. 
 
 
======================= ORE 17,25 ============================
                                 PREZZI  VAR.    RENDIMENTO
  FUTURES BUND MARZO FGBLc1       124,56  (+1,00)
  BTP 2 ANNI  (FEB 11) IT2YT=TT*  103,20  (-0,20)     2,032%
  BTP 10 ANNI (MAR 19) IT10YT=TT  100,34  (+0,86)     4,507%
  BTP 30 ANNI (AGO 39) IT30YT=TT   94,80  (+0,37)     5,419%
========================= SPREAD (PB) ========================
                                        CHIUSURA PRECEDENTE
  TREASURY/BUND 10 ANNI   YLDS5     12                   9
  BTP/BUND 2 ANNI         YLDS3     87                  86
  BTP/BUND 10 ANNI        YLDS5    149                 149
  BTP/BUND 30 ANNI        YLDS7    159                 160
  BTP 2/10 ANNI                       --                 259,9
  BTP 10/30 ANNI                      91,2                82,8
==============================================================
 
 * le quotazioni relative al benchmark a due anni sono tratte
dal circuito Reuters, non essendo stato il titolo scambiato
ancora su Mts