UniCredit, possibile proroga oltre 2008 vendita Generali - fonte

venerdì 5 dicembre 2008 18:18
 

MILANO, 5 dicembre (Reuters) - L'uscita di UniCredit (CRDI.MI: Quotazione) dal capitale di Generali (GASI.MI: Quotazione) potrebbe subire un rinvio rispetto alla scadenza fissata con l'Antitrust di fine 2008.

Lo riferisce una fonte vicina alla situazione che sottolinea che la proroga è legata alla crisi attuale dei mercati azionari.

"Una proroga è possibile, viste le condizioni attuali dei mercati", dice la fonte.

La quota di UniCredit in Generali, pari al 3,5%, è vincolata a un bond convertibile emesso nel 2003 e con scadenza il 19 dicembre.

Entro il 9 dicembre però gli obbligazionisti possono chiedere la conversione del bond in azioni Generali a uno strike price di 25,4 euro per azione, ben superiore al valore attuale del titolo triestino che oggi ha chiuso a 17,5 euro.

Ai valori attuali è dunque presumibile che UniCredit rimborserà in contanti il bond da 1,3 miliardi di euro circa.

L'AD di UniCredit Alessandro Profumo ha più volte dichiarato che la quota in Generali sarebbe stata dismessa nel quarto trimestre 2008 per rafforzare ulteriormente il Core Tier 1.