Servizi segreti,mai usati contro magistrati, giornali-Berlusconi

giovedì 5 novembre 2009 12:43
 

ROMA, 5 novembre (Reuters) - Il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi non ha mai pensato di usare impropriamente i servizi di sicurezza contro testimoni, magistrati e giornalisti, piuttosto solo "menti distorte" possono pensare una cosa simile.

Lo si legge nell'anticipazione dell'intervista rilasciata dal premier a Bruno Vespa per il suo libro "Donne di cuori".

"I violenti attacchi contro di me, sempre avulsi da ogni attinenza alla realtà e frutto solo di preconcetta ostilità, sono sotto gli occhi di tutti. Ma non ho certo mai pensato di impiegare queste risorse contro alcuno", ha risposto Berlusconi a Vespa che gli chiedeva se avesse mai pensato, come qualcuno lo ha accusato, di utilizzare i servizi di sicurezza contro testimoni, magistrati e giornalisti. "Solo menti distorte e disoneste possono pormi una simile domanda, immaginandosi comportamenti che probabilmente sarebbero i loro se si trovassero al mio posto", ha aggiunto Berlusconi.