Irap, intervento in Finanziaria se c'è volontà politica - Malan

mercoledì 4 novembre 2009 15:15
 

ROMA, 4 novembre (Reuters) - Lo strumento per ridurre l'Irap è la Finanziaria.

Lo dice il senatore del Pdl e relatore al decreto legge sulle infrazioni europee Lucio Malan, spiegando che "al momento non c'è la volontà politica".

Parlando con i cronisti alla buvette, Malan dice che per ridurre l'Irap "la sede adatta sarebbe la Finanziaria" e non il decreto salva infrazioni, che oggi sarà licenziato in prima lettura dal Senato.

Sempre oggi l'aula di Palazzo Madama inizia l'esame della Finanziaria. Fonti parlamentari riferiscono di un possibile incontro tra il ministro Giulio Tremonti e i capigruppo di maggioranza nel pomeriggio, a margine dei lavori.

Secondo le stesse fonti politiche l'ipotesi più probabile è che il governo possa intervenire sull'Irap (una volta individuata la copertura) nel passaggio alla Camera della Finanziaria, a partire da metà novembre.

Il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Paolo Bonaiuti ha detto il 3 ottobre scorso che per eliminare l'Irap occorre aspettare i risultati dello scudo fiscale.

"In questo caso, e se i dati sono buoni, sarà necessario un decreto legge che entri subito in vigore", dice in proposito Malan.

L'ipotesi di un nuovo decreto anticrisi circola da parecchi giorni ma al momento non ci sono conferme a livello governativo.

Di sicuro, però, l'esecutivo sta lavorando a un nuovo pacchetto di misure a sostegno dell'economia: dal fondo salva imprese, annunciato da Tremonti giovedì alla Giornata del risparmio, alla proroga degli incentivi per l'acquisto di automobili.   Continua...