Btp, continua interesse per decennale, spread stringe a 112 pb

mercoledì 4 febbraio 2009 18:03
 

 MILANO, 4 febbraio (Reuters) - Si mantiene tonico il mercato
dei Btp, in particolare dei decennali, a fronte di una certa
debolezza diffusa sul mercato dei bund, cosicchè lo spread di
rendimento tra i due decennali ha visto nel pomeriggio un
ulteriore restringimento ai minimi dal novembre scorso.
 I dealer dicono con grande cautela che "sembra di respirare
un clima leggermente migliore, supportato dagli ultimi dati
macroeconomici, che ha portato gli investitori verso asset
considerati più rischiosi come l'azionario o i titoli di paesi
periferici". Tuttavia molti dicono di temere che "si tratti solo
di un movimento tecnico che viene dopo il consistente movimento
della scorsa settimana".
 La disaffezione, seppur relativa, rispetto ai bund viene
attribuita da qualcuno ai "timori per quel che sarà della
costituzione della 'bad bank' tedesca e del peso che potrebbe
avere sui bilanci dello stato tedesco".
 Lo spread di rendimento tra il Btp marzo 2019 e il bund
gennaio 2019 si è ristretto fino a segnare sul finire della
seduta quota 112 punti base, il livello più basso dal 26
novembre dello scorso anno quando era a 111 punti base, da 127
pb ieri sera, secondo la pagina Reuters YLDS5.  Alle ore 17,15
il bund quotava un rendimento di 3,39%, mentre il Btp un
rendimento del 4,51%, per un allargamento a 116 pb.     
 Grande attenzione, soprattutto da parte degli specialist,
per questo rinnovato interesse per il Btp decennale. Il mercato
si interroga su come il Tesoro italiano vorrà soddisfare la
domanda in occasione delle prossime aste, sperando che possa
essere generoso. "Occorre che il Tesoro faccia una riflessione
nei suoi piani di emissione, vista il grande appetito per questo
decennale" dice uno specialist.
 Alcuni osservatori dicono che, sia che si tratti di un
motivo tecnico sia di un clima di maggior fiducia, lo spread
Btp/bund potrebbe stringere fino a 100 pb.
 Resta decisamente ampio lo spread tra Btp a 2 e a 10 anni,
seppur stasera in attenuazione rispetto a ieri, con il
rendimento dei brevi sostanzialmente fermo e il rialzo di quello
dei decennali. Ciò è coerente "da una parte con l'aspettativa di
altri tagli dei tassi ufficiali e dall'altra con l'attesa delle
prossime offerte di nuova carta" dice un dealer.
 Domani si riunisce il board della Bce che dovrebbe decidere
per un nulla di fatto sui tassi. Invece un nuovo taglio
dall'attuale livello del 2,0% è atteso a marzo.
 Ancora forte il settore dei linker. Il BTPei 2019 stasera
quota 137/38 pb poco variato da ieri, ma in recupero dal minimo
visto la scorsa settimana in occasione dell'asta.
 Il futures sul bund quota in chiusura 121,88 in calo di 30
tick, in un range tra 121,56 e 122,18.
                                
 
                                 ORE 17,30 
                                 PREZZI  VAR.    RENDIMENTO
  FUTURES BUND MARZO FGBLc1       121,88  (-0,30)
  BTP 2 ANNI  (FEB 11) IT2YT=TT   102,91  (-0,02)     2,250%
  BTP 10 ANNI (MAR 19) IT10YT=TT  100,43  (+0,68)     4,495%
  BTP 30 ANNI (AGO 39) IT30YT=RR * 97,10  (+0,76)     5,240%
======================== SPREAD (PB) =======================
                                         CHIUSURA PRECEDENTE
  TREASURY/BUND 10 ANNI   YLDS5     41                  48
  BTP/BUND 2 ANNI         YLDS3     76                  80
  BTP/BUND 10 ANNI        YLDS5    116 **              127
  BTP/BUND 30 ANNI        YLDS7    132                 139
  BTP 2/10 ANNI                      224,5              233,6 
  BTP 10/30 ANNI                      74,5  *            63,4 
  
 * Il trentennale non è stato scambiato su Mts. Le quotazioni
sono indicate dagli schermi Reuters.
** Nel pomeriggio ha toccato un minimo a 112 pb
  
==============================================================