June 4, 2009 / 9:31 AM / 8 years ago

Monetario, tassi in distensione, attesa per Bce

4 IN. DI LETTURA

MILANO, 4 giugno (Reuters) - Tassi in distensione sull'interbancario in attesa che il deposito giorno a giorno torni a salire lunedì, alla vigilia della chiusura del periodo di riserva obbligatoria.

Ma oggi l'attenzione è catalizzata dalla riunione di politica monetaria della Banca centrale europea da cui ci si aspetta una conferma dei tassi ai minimi storici dell'1% e dettagli sul piano per l'acquisto di covered bond e per i nuovi repo a 12 mesi. Più controverse sono le chance che il costo del denaro scenda ancora nei mesi a venire.

"Il nostro modello di probabilità basato sull'OIS (Overnight Index Swap) mostra che i mercati continuano a vedere alcune probabilità di un taglio dei tassi nei prossimi mesi anche se in misura minore rispetto ad alcune settimane fa", si legge in una nota di Unicredit Group pubblicata oggi.

Se alcuni esponenti dell'Eurotower si sono detti riluttanti ad andare sotto la soglia dell'1%, il mese scorso il presidente Jean-Claude Trichet non ha voluto confermare se i tassi siano o no giunti al livello minimo, limitandosi ad definirli appropriati.

Ma "a meno che oggi Trichet non cambi le carte in tavola, nell'ultimo mese non si è mai avuta la percezione che i tassi impliciti riflettessero la possibilità di una discesa sotto l'1%, neppure il giorno successivo alle sue dichiarazioni", osserva un addetto ai lavori.

Secondo l'operatore, "la curva Eonia non sconta nulla fino ad aprile 2010". Inoltre "anche gli impliciti sull'Eonia swap da luglio sono intorno 0,76-0,79, considerando la quota di spread di liquidità, io ci metterei una minima parte di aspettative di tagli, circa un 5%", sottolinea, ricordando che lo spread di liquidità in questi ultimi mesi rob "lo vediamo intorno ai 18-25 punti base".

Intorno alle 11,20, sulla strip Euribor, il futures sulla scadenza a giugno FEIM9 è cedente a 98,785, settembre FEIU9 viaggia in calo di 0,010 a 98,875 e dicembre FEIZ9 di 0,035 a 98,775.

Tornando all'interbancario, l'overnight lavora in area 0,45/0,55 dopo che ieri i prestiti marginali presso la Bce hanno subìto un'impennata ai massimi degli ultimi due mesi.

"Vediamo come va stasera per capire se si tratta di un episodio o se c'è qualcuno in difficoltà, anche se sbagliare i conti può capitare", osserva un tesoriere.

Il tesoriere si aspetta un Eonia in ridimensionamento oggi e domani prima di tornare a salire in area 0,70/0,80 la settimana prossima quando, con la chiusura del mese rob il 9 giugno, la Bce dovrebbe procedre come di consueto ad un drenaggio.

"Per il nuovo periodo bisognerà vedere quanto chiederà il sistema", ha detto il tesoriere, ricordando che il 10 e l'11 ci sono 410 miliardi in scadenza. "Se rinnoveranno operazioni in scadenza partiamo tranquilli, se chiedono di meno, l'overnight tornerà sopra il riferimento".

Sull'interbancario ieri è proseguito il movimento di ripresa dei volumi e di discesa dei tassi con l'Eonia che ha visto transazioni per 45,234 miliardi di euro ad un tasso medio dello 0,58%.

Il premio al rischio per il prestito fondi - espresso dal differenziale fra l'Euribor a tre mesi EURIBOR3MD= (oggi all'1,260%) e la corrispondente scadenza Eonia swap (oggi allo 0,795%) - cala rispetto ai ieri intorno ai 46,5 punti base. Non superava i 10 punti base in epoca pre-crisi.

Ulteriori dettagli sulla liquidità in Europa e in Italia alle pagine Reuters ECB40 e BITS.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below