Btp in positivo, spread stringe fino a 114 pb, attesa Adp

mercoledì 4 febbraio 2009 13:26
 

 MILANO, 4 febbraio (Reuters) - Sul mercato obbligazionario
in tono positivo stamane l'attenzione maggiore è stata per il
differenziale di rendimento tra decennali bund e quelli dei
paesi cosidetti periferici, che ha visto un notevole
restringimento, in particolare per quello dell'Italia.
 Lo spread di rendimento tra il Btp marzo 2019 e il bund
gennaio 2019 si è ristretto fino a segnare in tarda mattinata
quota 114 punti base, il livello più basso dal 26 novembre dello
scorso anno quando era a 111 punti base, da 127 pb ieri sera.
 Alle ore 12,10 il bund quotava un rendimento di 3,37%, il
Btp un rendimento del 4,51%, secondo la pagina Reuters YLDS5,
mentre a fine mattinata è tornato ad allargarsi a 119 pb.  
 E' da una decina di giorni che gli spread dei paesi
periferici stanno stringendo. "Da una parte gli investitori
hanno realizzato che essi avevano raggiunto livelli eccessivi,
in rapporto con il livello di rischio effettivo" dice uno
strategist, "e quindi per un fatto puramente di mercato era
fisiologico un ritracciamento".
 Da un altro punto di vista alcuni recenti dati
macroeconomici hanno mostrato letture leggermente più positive,
innescando maggior fiducia per gli investimenti sull'azionario e
quindi l'uscita dai bund considerati prima l'unico porto sicuro.
 "Da qui a dire che il mercato è cambiato, è molto presto. Lo
spread Btp/bund potrebbe anche stringere fino a 100 pb per un
andamento puramente di mercato, ma a livello di rischio paese
nulla è cambiato, per cui mi aspetto che dopo aver toccato
quella soglia psicologica lo spread potrebbe riallargarsi" dice
Luca Cazzulani, strategist di Unicredit.
 Anche gli altri paesi cosiddetti periferici, rispetto al
bund, hanno mostrato un restringimento anche se meno
consistente. 
 Lo spread di rendimento tra il decennale greco e il bund si
è stretto di circa una decina di punti base a 238 pb stamane, il
minimo di quasi un mese, l'analogo spread per i titoli belga si
è ristretto della stessa entità a 38 punti base, il minimo di
tre settimane.
 Dal punto di vista macro, stamane i Pmi del settore servizi
di alcuni paesi della zona euro hanno mostrato ancora
contrazione dell'attività, non comunicando al mercato nulla di
nuovo, secondo i dealer.
 Invece, molto più atteso è l'indice Adp sul mercato del
lavoro Usa nel settore privato, visto come un anticipatore di
quello chiave in agenda venerdì: le attese per il primo sono per
un taglio di 530.000 posti di lavoro in gennaio dopo i 693.000
posti di dicembre, per il secondo sono di -525.000 posti da
-524.000 posti.
 A fine mattinata il futures bund mostra ancora un calo di 6
ticks a 122,12, ma in risalita dal minimo a 121,65.
 
 
                                 PREZZI  VAR.    RENDIMENTO
  FUTURES BUND MARZO FGBLc1       122,12  (-0,06)
  BTP 2 ANNI  (FEB 11) IT2YT=TT   103,02  (+0,09)     2,193%
  BTP 10 ANNI (MAR 19) IT10YT=TT  100,15  (+0,40)     4,531%
  BTP 30 ANNI (AGO 39) IT30YT=RR * 96,53  (+1,18)     5,228%
======================== SPREAD (PB) =======================
                                         CHIUSURA PRECEDENTE
  TREASURY/BUND 10 ANNI   YLDS5     44                  48
  BTP/BUND 2 ANNI         YLDS3     75                  80
  BTP/BUND 10 ANNI        YLDS5    119 **              127
  BTP/BUND 30 ANNI        YLDS7    140                 139
  BTP 2/10 ANNI                      233,8              233,6 
  BTP 10/30 ANNI                      69,7  *            63,4 
  
 * Il trentennale non è stato scambiato su Mts. Le quotazioni
e sono indacate dagli schermi Reuters.
** In mattinata ha toccato un minimo a 114 pb
  
==============================================================