3 ottobre 2008 / 16:18 / 9 anni fa

Cds Islanda quotati con 'upfront' su timori banche -dealer

LONDRA, 3 ottobre (Reuters) - Il costo per assicurarsi dal caso di defaulf del debito dell‘Islanda è stato quotato con ‘upfront’ oggi, dicono i dealer, poichè crescono i timori per il costo per il salvataggio del settore bancario islandese in difficoltà.

Il costo medio del ‘upfront’ Cds a 5 anni quota attorno al 15,5%, il che significa che costa 1,55 milioni di euro il pagamento anticipato per assicurare 10 milioni di milioni di euro di debito, oltre al costo annuale di 500.000 euro.

Il Cds di Lehman Brothers era passato alla formula ‘upfront’ poco prima che la banca Kaupthing chiedesse il ricorso al Chapter 11 per la bancarotta, ma è raro che un emittente sovrano venga quotato in questo modo.

Il governo Islandese ha detto questa settimana che intende acquisre il 75% della banca Glitnir. Il Cds di quest‘ultima è quotata con un ‘upfront’ al 64-69%, quello di Kaupthing a 75-62%.

Un adviser del governo islandese ha appena annunciato che il governo sta lavorando a un piano per la stabilizzazione del mercato dei cambi del paese.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below