Fortis, governi Olanda e Belgio comprano asset per 16,8 mld euro

venerdì 3 ottobre 2008 19:12
 

BRUXELLES, 3 ottobre (Reuters) - I governi olandese e belga hanno comprato parte delle attività bancarie e assicurative di Fortis FOR.BR FOR.AS nei rispettivi Paesi. L'Aja, in particolare, ha deciso di acquisire la quasi totalità degli asset olandesi, mentre Bruxelles avrà il 49% di Fortis Bank in Belgio

L'operazione, che comporta lo spezzatino di Fortis, ha un controvalore di 16,8 miliardi di euro e comprende gli asset che il gruppo bancario aveva acquisito con la conquista di Abn Amro, realizzata attraverso un consorzio di cui facevano parte Royal Bank of Scotland (RBS.L: Quotazione) e Banco Santander (SAN.MC: Quotazione).

Il primo ministro belga, Yves Leterme, ha spiegato che la decisione è "finalizzata alla conservazione di una solvibilità di lungo termine" del gruppo, oggetto di un intervento di salvataggio da 11,2 miliardi di euro effettuato dai governi di Belgio, Olanda e Lussemburgo domenica scorsa.

In un comunicato del governo di Bruxelles si legge che "Fortis ha venduto la maggior parte degli asset olandesi", ovvero Bank Nederland Holding e Fortis Insurance Netherlands. La nazionalizzazione delle attività olandesi di Fortis è stata confermata dal premier dell'Aja, Jan-Peter Balkenende.

Il ministro delle Finanze olandese, Wouter Bos, nel corso di una conferenza stampa, ha spiegato che il governo dell'Aja controllerà il 100% degli asset di Fortis, aggiungendo che l'operazione odierna sostituisce il piano di salvataggio concordato fra i governi del Benelux nel week-end scorso.

Un portavoce del primo ministro belga Leterme ha confermato lo spezzatino di Fortis, dicendo che Bruxelles controllerà il 49% di Fortis Bank in Belgio.

La Commissione Ue ha detto che era a conoscenza delle intenzioni del governo olandese su Fortis.