Monetario,sistema smaltisce numeri neri per fine rob, attesa Bce

giovedì 3 settembre 2009 12:10
 

MILANO, 3 settembre (Reuters) - Sull'interbancario si respira l'attesa per la riunione di politica monetaria della Banca centrale europea. Gli istituti di credito Uem aspettano di avere indicazioni sulla seconda delle tre aste di rifinanziamento ad un anno per capire se verrà o meno messo un spread sul tasso di rifinanziamento all'1%.

Gli operatori delle tesorerie sono divisi tra chi si aspetta dettagli e chi pensa che la Bce rimanderà le informazioni direttamente all'annuncio dell'asta di fine mese.

I tesorieri concordano però che "difficilmente nell'asta di settembre verrà aggiunto uno spread". Questo passo potrebbe essere messo in campo nell'ultimo p/t a un anno del 2009, quello di dicembre, ma non prima, aggiungono.

"C'è il rischio che vengano presentate nuovamente troppe richieste, ma al momento la Banca centrale sembra preferire un aumento della liquidità nel sistema pur di non creare tensioni".

Nel frattempo, in un panorama saturo di fondi, gli istituti finanziari stanno cercando un equilibrio in vista dell'avvicinarsi della chiusura della rob l'8 settembre.

Ieri sera i fondi messi a deposito a Francoforte sono scesi in modo consistente, passando a 130,364 miliardi dai 142,265 miliardi di partedì sera.

"I depositi sono scesi sensibilmente", dice un'operatrice. "Le banche cercano di andare in misura maggiore sul mercato per smaltire i numeri neri". Questi ultimi sono calati leggermente, scendendo sui 227 miliardi da 234 miliardi.

"E' ancora presto per dirlo con certezza, ma il drenaggio di fine periodo di martedì prossimo dovrebbe avere un ordine di grandezza tra i 200 e i 250 miliardi tra fine-tuning e depositi", aggiunge un altro operatore.

I tassi sono schiacciati sul tasso dei depositi, con l'o/n fermo tra 0,23% e 0,33% la media Eonia è stata fissata ieri allo 0,334%.   Continua...