Iva Sky, Berlusconi: non sapevo, figuraccia di stampa e sinistra

mercoledì 3 dicembre 2008 13:27
 

ROMA, 3 dicembre (Reuters) - Il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, ribadisce le proprie critiche alla stampa e all'opposizione dopo le polemiche per il raddoppio dell'Iva dal 10% al 20% a carico delle pay tv e di Sky contenute nel decreto anti crisi.

Il premier torna anche a dire che la decisione sul riallinenamento dell'Iva è stata presa dal ministro dell'Economia, Giulio Tremonti, su richiesta Ue.

A chi gli chiedeva un commento sulle polemiche scatenate dalle sue affermazioni di ieri secondo le quali i direttori di Stampa e Corriere dovrebbero dimettersi, Berlusconi ha ribadito: "Penso soltanto che sia giusto quello che ho manifestato perché vedere che anche in quella occasione sono stato attaccato con titoli 'Berlusconi contro Sky' su una cosa della quale io non ero informato, una cosa che apparteneva al lavoro del ministro delle Finanze e in più dovuta ad una precisa disposizione dell'Europa, mostra bene il comportamento di questi signori contro di me e il governo".

"Hanno fato una figuaraccia enorme e gli italiani potranno trarre un giudizio definitivo su questi signori", ha aggiunto Belrusconi a margine di una manifestazione alle Poste italiane. In precedenza, in un intervento in sala dopo aver visitato il polo tecnologico delle Poste, Berlusconi ha parlato di "giornata lieta rispetto a tante altre giornate. Esco dai confronti con la dura realtà del Paese, con sentimenti dolorosi"

Poi, quasi a giustificarsi di una battuta sulle belle ragazze presenti in sala, il premier ha detto: "Penso che uno deve restare quello che è. Io sono fatto cosi, sono dotato di qualcosa che dovreste verificare in tutti coloro con cui lavorate: Non prendete sul serio chi si prende troppo e non è capace di auto ironia".