Lazio, ok governo a conti Regione, no aumento addizionali- fonti

venerdì 30 maggio 2008 18:16
 

ROMA, 30 maggio (Reuters) - Il governo ha accettato le coperture finanziarie presentate dalla Regione Lazio nell'ambito del piano di rientro del deficit sanitario, salito nell'anno appena trascorso a poco oltre il miliardo di euro.

La giunta guidata da Piero Marrazzo non dovrà quindi, almeno per ora, aumentare le addizionali Irpef e Irap.

Secondo quanto riferiscono fonti della Regione, nel corso del tavolo tecnico riunitosi oggi il governo ha accettato le coperture indicate da Marrazzo, che derivano in parte da maggiori entrate fiscali per 200 milioni certificate dall'Agenzia delle entrate. Somma che eviterà al disavanzo di salire oltre gli 1,040 miliardi con cui si dovrebbe chiudere a consuntivo il 2007.

Il deficit programmatico della Regione, inizialmente indicato a oltre 600 milioni, è stato rivisto più volte al rialzo nei mesi scorsi.

Il verbale del tavolo tecnico, che dovrà revocare l'aumento delle addizionali e il possibile commissariamento, sarà inviato alla presidenza del Consiglio e al ministero dell'Economia per chiudere la procedura.

Stabilizzata nell'immediato la situazione dei conti, la Regione si avvia a studiare soluzioni per far fronte ai problemi di liquidità cui potrebbe andare incontro nei prossimi mesi.

Il piano studiato dai tecnici di Piero Marrazzo punta a reperire 1,5 miliardi tra emissioni obbligazionarie, fidi della Cassa depositi e prestiti e finanziamenti bancari.

"Puntiamo a chiudere l'operazione di finanziamento entro settembre. Bisogna ristabilire le condizioni di cassa", dice una fonte della Regione.

A dare ossigeno ai conti del Lazio penserà anche il governo, che sta per sbloccare alcuni crediti vantati nei confronti dello Stato centrale.