Manovra, stretta su paradisi riguarda almeno 8,3 mld - decreto

giovedì 2 luglio 2009 14:58
 

ROMA, 2 luglio (Reuters) - La stretta sui paradisi fiscali contenuta nel decreto legge fiscale può andare a colpire attività finanziarie per almeno 8,3 miliardi di euro.

Lo si legge nella relazione al provvedimento diffusa oggi.

Il testo, tuttavia, circoscrive l'analisi alle attività finanziarie detenute in soli 9 Paesi: Lussemburgo, Guernesy, Isola di Man, Jersey, Andorra, Liechtenstein, Principato di Monaco, Svizzera e San Marino.

"Considerato che la norma avrà effetto nel 2009 solo per circa 6 mesi, si stima un maggior gettito di circa 237 milioni di euro per l'anno corrente", spiega la relazione tecnica.

In termini di cassa, il gettito ammonta a 415 milioni nel 2010 e a 1,538 miliardi nei quattro anni al 2012.

Il decreto prevede che gli investimenti e le attività finanaziarie detenute nei Paradisi fiscali e non dichiarati si presumono costituiti, salvo prova contraria, frutto di evasione fiscale.