Btp continuano calo su Cpi stati tedeschi, attesa aste domani

mercoledì 28 maggio 2008 13:23
 

 MILANO, 28 maggio (Reuters) - Il mercato obbligazionario è
ancora cedente, come ormai da una decina di giorni, seguendo il
movimento di aggiustamento delle posizioni dopo che gli
investitori si sono convinti che la Bce non ha più spazi per
tagliare in tassi per almeno un anno ancora. 
 Oggi un ulteriore colpo è venuto dai dati sull'inflazione
degli stati tedeschi che hanno mostrato tendenziali in deciso
rialzo in maggio rispetto a quelli di aprile. Le stime per il
dato nazionale, formulato sulla base dei dati di sei stati, sono
per un'accelerazione del tendenziale al 2,8% in maggio da 2,4%.
Per la variazione mensile gli analisti si attendevano un aumento
di 0,4%, ma le anticipazioni giunte finora sembrano puntare
verso 0,5%-0,6%.
 I dati sull'inflazione si sommano ai commenti di ieri,
citati ancora oggi dai dealer, di Axel Weber, della Bundesbank,
secondo il quale non c'è spazio per riduzioni di tassi nella
zona euro, semmai si pensa a un rialzo.
 "Il mercato deve ancora scendere per adattarsi alle nuove
aspettive sulle mosse della Bce" dice un dealer.
 Il futures Bund a giugno è sceso stamane fino a 112,40 che
rappresenta il minimo dal dicembre scorso. 
 Anche l'asta tedesca sul nuovo decennale luglio 2019, cedola
al 4,25%, ha contribuito al calo. E' stata collocata per 5,64
miliardi di euro sugli 8 miliardi offerti, a un tasso medio del
4,36% in rialzo dal 3,94% dell'ultima asta di febbraio scorso,
che riguardava la riaperturta del Bund gennaio 2018, con cedola
al 4%. Il rapporto domanda/offerta è risultato di 1,2 da 1,7 e 
Bundesbank ha trattenuto presso di sè 2,360 miliardi.
 Intanto i dealer si stanno preparando alle aste italiane di
domani, con una robusta offerta del decennale (3 miliardi), il
Btp a 3 anni offerto per 2,5 miliardi e la novità della
riapertura di un vecchio Cct per 750 milioni.
 "Con questo mercato così cedente, le aste di domani non
saranno esattamente un passeggiata, soprattutto per il
decennale" dice un dealer 
 E' la prima volta che viene offerto un vecchio Cct, il marzo
2012, la cui ultima asta risale a oltre due anni fa, invece del
benchmark, il 30 aprile 2014. 
 "Il benchmark destava pochissimo interesse sul mercato,
mentre il vecchio era molto caro sul mercato dei repo e molto
richiesto" dice un dealer per spiegare la scelta del Tesoro.
 AttesO nel pomeriggio per il dato preliminare del Cpi
tedesco e, negli Usa, per gli ordini dei beni durevoli.
 Lo spread di rendimento tra Btp e bund decennali è rimasto
poco variato a 43/44 pb.
 
================ QUOTAZIONI 13,00 ==============================
                                 PREZZO     VAR.   RENDIMENTO
FUTURES BUND GIUGNO      FGBLM8   112,60   (-0,10)
BTP 2 ANNI (MAR 10)    IT2YT=TT    99,37   (-0,02)    4,423%
BTP 10 ANNI (FEB 18)  IT10YT=RR    98,43   (-0,07)    4,760%
BTP 30 ANNI (FEB 37)  IT30YT=TT    82,90   (-0,29)    5,214% 
======================= SPREAD (PB) =========================
                                           CHIUSURA PRECEDENTE
TREASURY/BUND 10 ANNI   YLDS5      36               37       
BTP/BUND 2 ANNI         YLDS3      20               20       
BTP/BUND 10 ANNI        YLDS5      44               44    
BTP/BUND 30 ANNI        YLDS7      45               46       
BTP 10/2 ANNI                        33,7            32,0  
BTP 10/30 ANNI                       45,4            46,2
===============================================================