Btp contrastati in chiusura, tensioni su spread contro Germania

venerdì 27 giugno 2008 17:52
 

 MILANO, 27 giugno (Reuters) - Finale di seduta a doppia
velocità per i benchmark Btp, con una nuova lieve discesa dei
rendimenti sulla parte breve della curva grazie ad acquisti
rifugio in uscita dalle borse mentre i lunghi pagano i timori di
inflazione dopo gli ultimi numeri tedeschi.
 La nuova debolezza di Wall Street, reduce dalla débacle di
ieri, testimonia il clima di crescente avversione al rischio che
attrae gli investitori verso il porto sicuro del reddito fisso
ma soprattutto carta tripla 'A' come quella tedesca.
 Dell'intonazione di fondo del mercato specchio fedele è il
marcato allargamento del differenziale Italia/Germania, arrivato
a toccare i 64 centesimi sul tratto decennale ma in visibile
tensione lungo l'intera curva dei rendimenti.
 Come apparso anche in alcune delle ultime sedute, il
fenomeno accomuna comunque l'insieme dei paesi cosiddetti
periferici e non sembra in alcun modo attribuibile ad alcuna
causa specificatamente italiana, nemmeno la riapertura di questa
mattina del decennale agosto 2018 con una quinta tranche da 2,5
miliardi di euro.
 Giuseppe Maraffino di UniCredit Mib parla di un marcato
aumento del premio di rendimento anche dei titoli greci o
portoghesi e più in generale di acquisti di carta tedesca contro
il resto d'Europa.
 "Secondo una nostra analisi - spiega lo strategist - la
variabile che maggiormente influenza l'andamento dello spread
Italia/Germania è quella dell'indice iTraxx, barometro
dell'avversione e della propensione al rischio ... di fronte a
un andamento delle borse come quello di ieri e oggi non c'è da
stupirsi di un simile movimento dello spread".
 Nell'attuale fase del mercato, dominato da un nuovo clima di
incertezza, metro del rischio paese non sembrano dunque essere
né l'evoluzione di politica economica o conti pubblici ma il
semplice costo di assicurazione dal rischio di insolvenza.
 Passando infine brevemente al fronte interno, la
generalizzata risalita dei prezzi ha favorito una buona
accoglienza della riapertura delle aste di ieri sugli
indicizzati settembre 2012 e 2023, con una domanda pari a circa
sei volte all'offerta per rispettivi 100 e 75 milioni di euro da
parte degli operatori specialisti.
     
===================== QUOTAZIONI 17,30 ==========================
                                  PREZZO    VAR.   RENDIMENTO
FUTURES BUND SETTEMBRE    FGBLU8   111,32   (+0,09)
BTP 2 ANNI (MAR 10)     IT2YT=TT    99,49   (+0,03)     4,808%
BTP 10 ANNI (FEB 18)   IT10YT=TT    95,25   (-0,34)     5,173%
BTP 30 ANNI (FEB 37)   IT30YT=TT    80,33   (-0,44)     5,422%
======================= SPREAD (PB) ===========================
                                           CHIUSURA PRECEDENTE
TREASURY/BUND 10 ANNI   YLDS5     49                42 
BTP/BUND 2 ANNI         YLDS3     37                35
BTP/BUND 10 ANNI        YLDS5     64                61
BTP/BUND 30 ANNI        YLDS7     59                57 
BTP 10/2 ANNI                       36,5              30,3
BTP 10/30 ANNI                      24,9              21,6
===============================================================