Auto Usa, Ford vede utile in 2011,atteso ok Congresso a prestito

martedì 2 dicembre 2008 16:53
 

WASHINGTON, 2 dicembre (Reuters) - Le case automobilistiche Usa svelano i piani di salvataggio aggiornati al fine di ottenere il prestito da 25 miliardi di dollari che il Congresso ha messo in rampa di lancio.

Ford Motor (F.N: Quotazione) dice di attendersi che il business automotive nordamericano raggiungerà il break-even o l'utile nel 2011. La casa di Detroit, nel piano sottoposto all'esame del Congresso in cui chiede 9 miliardi di dollari di finanziamento ponte, anticipa, fra l'altro, che venderà la flotta di aerei aziendali per migliorare la disponibilità di cassa.

L'AD di Ford, Alan Mulally, afferma che spera di completare il piano di ristrutturazione anche senza usufruire del prestito governativo e spiega che sono in corso trattative con i sindacati per ridurre ulteriormente i costi.

Ford, inoltre, nel 2009 cancellerà tutti i bonus per il management a livello mondiale e per i dipendenti del Nord America.

Sono attesi anche i piani di Chrysler e General Motors (GM.N: Quotazione). Parlando ai lavoratori di Port of Baltimore, il presidente di Chrysler, Jim Press, ha detto che la richiesta di accedere al prestito ponte ha lo scopo di preservare la società e che la casa automobilistica ha un piano per essere competitiva e compiere scelte difficili in futuro.

L'attesa per un ok del Congresso al piano di salvataggio del settore auto sta sostenendo i titoli dei gruppi quotati: GM sale di oltre il 5% e Ford di oltre il 13%.

La Casa Bianca ha ribadito la posizione che i produttori di auto dovranno dimostrare concretamente di essere affidabili prima di ottere i fondi pubblici.