Bce in stato allerta elevata, rischi inflazione cresciuti

mercoledì 25 giugno 2008 11:47
 

BRUXELLES (Reuters) - I rischi di inflazione nel medio termine sono aumentati e la Bce è in stato di "allerta elevata" contro il pericolo di una cronicizzazione degli attuali tassi inflativi.

Lo ha detto il presidente della Banca centrale europea, Jean-Claude Trichet, nel corso del suo intervento di fronte al comitato Affari economici e monetari del Parlamento europeo.

"Il consiglio di governo è particolarmente preoccupato del fatto che gli attuali elevati tassi di inflazione, che si sono dimostrati più alti e più persistenti rispetto alle previsioni, possano stabilizzarsi e portare a effetti second round" ha detto Trichet.

Per quanto riguarda la crescita il presidente della Bce ha invitato a considerare insieme i dati del primo e del secondo trimestre, ritenendo che la buona performance dei primi tre mesi dell'anno sia stata influenzata da fattori temporanei.

Infine, Trichet ha sottolineato che la Banca centrale è disposta a intervenire per rendere più fluide le condizioni sul mercato della liquidità, in vista della scadenza di fine semestre.

 
<p>Jean-Claude Trichet oggi prima del suo intervento di fronte al comitato Affari economici e monetari del Parlamento europeo. REUTERS/Francois Lenoir (BELGIUM)</p>