Poste Italiane,decisione Ue su aiuti non pregiudica rating-Fitch

martedì 22 luglio 2008 18:38
 

ROMA, 22 luglio (Reuters) - L'agenzia di rating Fitch ritiene che la decisione della Commissione europea sugli aiuti di stato ricevuti da Poste italiane non pregiudichi al momento i rating della società.

Attualmente a Poste italiane è assegnato un rating di lungo termine "A+" con outlook stabile, un di breve termine "F1" e un sul 'senior unsecured' "A+".

Il 17 luglio la Commissione europea ha dichiarato illegale, ai sensi delle norme del trattato Ce sugli aiuti di Stato, la remunerazione versata dal Tesoro a Poste Italiane a fronte delle liquidità raccolte tramite i conti correnti postali e depositate presso il Tesoro dal 2005. L'ammontare degli aiuti sarà stabilito a seguito di colloqui fra l'Italia e la Commissione.

Avendo l'Italia dato esecuzione all'aiuto prima di notificarlo alla Commissione, è necessario ora procedere al recupero, presso Poste Italiane, delle somme versate illegalmente.

Dall'indagine approfondita avviata dalla Commissione nel settembre 2006 è emerso che i tassi d'interesse versati dal Tesoro conferiscono un vantaggio indebito all'azienda. Questo aiuto illegale rischia di favorire Poste Italiane a discapito dei suoi concorrenti sul libero mercato postale e finanziario in Italia.

Il regime in forza del quale Poste Italiane ha beneficiato di tale vantaggio è stato abrogato con la legge finanziaria 2007, dice la nota della Commissione.