Comune Roma, Alemanno: debito a fine 2007 a 8,141 miliardi

giovedì 19 giugno 2008 09:33
 

ROMA (Reuters) - L'indebitamento del Comune di Roma alla fine del 2007 è di 8,141 miliardi di euro. Lo ha detto il sindaco di Roma, Gianni Alemmanno, che ieri è stato nominato dal governo Commissario per la gestione del deficit.

In una intervista al quotidiano Il Messaggero Alemanno indica le cifre del bilancio del comune mostrando un grafico della Ragioneria generale dello Stato.

"Ecco, queste sono le cifre che mostrerò in Consiglio comunale: con la liquidità siamo fuori di 1.300 milioni e dentro questa cifra c'è una quantità superiore di circa 211 milioni all'anticipazione massima consentita dalla Tesoreria", dice Alemanno.

"L'indebitamento al 31 dicembre del 2007 ha raggiunto gli 8 miliardi e 141 milioni cui si aggiungono per investimenti non ancora erogati altri 1.144 milioni", aggiunge il sindaco.

Ieri il governo ha stanziato 500 milioni per il comune di Roma.

Il grafico di cui Alemanno parla nell'articolo mostra "una parabola che sale vertiginosamente - rappresenta gli interessi per i mutui... E vogliamo parlare dei 1.100 milioni di debiti fuori bilancio che si riferiscono agli espropri, all'indebitamento delle partecipate e del trasporto pubblico ?", dice ancora il sindaco.

 
<p>Gianni Alemanno in una foto d'archivio. REUTERS/Dario Pignatelli (ITALY)</p>