Monetario, derivati stabili in assenza dati, o/n a 4,25%

venerdì 18 luglio 2008 12:24
 

MILANO, 18 luglio (Reuters) - Una seduta priva di dati macroeconomici di rilievo lascia senza spunti gli operatori sul mercato interbancario e tutti gli indicatori in sostanziale stabilità.

I derivati Euribor evidenziano un rialzo massimo di 2,5 centesimi sulla scadenza a dicembre, dove i tassi Eonia continuano comunque a prezzare la conferma dell'attuale livello del 4,25%.

Non hanno dunque avuto impatto le parole con cui il presidente della Bce, Jean-Claude Trichet, ha avvertito di un possibile rallentamento della crescita nella zona euro per il secondo e terzo trimestre.

Nell'intervista concessa a quattro quotidiani europei Trichet ha comunque ribadito l'intenzione di combattere l'inflazione e di riportarla al più presto possibile entro il target del 2% annuo.

Intorno alle 12,15 sulla curva Euribor il contratto a settembre FEIU8 sale di 0,015 a 94,995, dicembre FEIZ8 guadagna 0,025 a 94,965 e marzo FEIH9 segna +0,020 a 95,06.

Il tasso Euribr a tre mesi al fixing di questa mattina è tornato al 4,957% di due giorni fa dopo il rialzo di ieri, mentre la scadenza a una settimana ha guadagnato un altro millesimo a 3,358%.

"E' una sessione più che stabile, l'overnight lavora in area 4,25%" dice un tesoriere riferendosi agli scambi sull'interbancario.

Confermate le stime sulla liquidità di ieri, con 127 miliardi di numeri neri a fronte di un saldo di 213 miliardi, mentre il week-end dovrebbe portare a una lieve creazione di fondi con 131 miliardi di numeri neri a domenica sera.

Ulteriori dettagli sulla liquidità in Europa e in Italia alle pagine Reuters ECB40 e BITS.