Monetario, derivati reagiscono lievamente a dati Usa,o/n a 4,27%

venerdì 1 agosto 2008 16:10
 

MILANO, 1 agosto (Reuters) - Situazione tranquilla sul mercato monetario, sia sul fronte dei derivati sia su quello del contante.

Nel pomeriggio i derivati hanno visto qualche vendita dopo i dati sul mercato del lavoro Usa risultati meno deboli delle attese, ma "non hanno cambiato le aspettative del mercato rispetto le prossime mosse della Bce" dice un tesoriere.

Gli occupati non agricoli Usa hanno visto un calo di 51.000 unità in luglio, contro attese di -75.000 unità.

I futures sui tassi Usa hanno rivisto solo leggermente le probabilità di per un rialzo dei tassi a settembre al 30% dal 26% di prima il dato.

Il movimento si è trasmesso anche al mercato della zona euro, ma in modo modesto.

"Resta il 30-40% di probabilità di un rialzo dei tassi euro entro l'anno, dice un dealer.

La Bce guarda soprattutto al rialzo dell'inflazione, mentre gli analisti guardano alla debolezza.

Stamani l'indice Pmi del settore manifatturiero ha visto un minimo dal luglio 2003 a 47,1.

Ieri la stima flash per il Cpi di luglio nella zona euro ha mostrato un tendenziale annuo del 4,1%, come nelle attese, dal 4,0% di giugno.   Continua...