Tassara, accordo su debito,salta subentro banche a Rbs,Bnp-fonte

lunedì 1 dicembre 2008 13:11
 

MILANO, 1 dicembre (Reuters) - La Carlo Tassara e le banche creditrici italiane hanno raggiunto l'accordo sulla ristrutturazione del debito della holding di Romain Zaleski.

Lo dice a Reuters una fonte vicina alle trattative. Al momento i termini dell'accordo non sono noti, quello che è certo è che "la proposta originaria, e cioè che le cinque banche italiane, fra cui Unicredit e Intesa SP si sarebbero fatte carico dei debiti della Tassara verso Royal Bank of Scotland (RBS.L: Quotazione) e Bnp Paribas (BNPP.PA: Quotazione) per 1,3-1,5 miliardi di euro non c'è più", sottolinea la fonte.

Secondo la fonte "l'accordo c'è, ma non è stato ancora formalizzato".

Il sito Panorama.it scrive che Zaleski rinuncia a tutte le linee di credito già deliberate dalle banche italiane per liquidare i due istituti esteri. Le due banche saranno quindi liquidate sia attraverso i mezzi propri della Carlo Tassara, che la settimana scorsa ha approvato un aumento di capitale da 200 milioni, sia attraverso la dismissione di alcune quote azionarie. L'operazione di liquidazione degli istituti stranieri dovrebbe avvenire entro un mese. Le più importanti partecipazioni rilevanti dirette o indirette della Tassara in società quotate sono: 5,005% in Intesa Sanpaolo (ISP.MI: Quotazione), 2,003% in Generali (GASI.MI: Quotazione), 2,012% in Mediobanca (MDBI.MI: Quotazione), 2,004% in Ubi (UBI.MI: Quotazione), 19,138% in Mittel (MTTI.MI: Quotazione), 10,025% in Edison EDN.MI e 2,512% in A2A (A2.MI: Quotazione).