Seat lavora su covenants a 2010, poi rinegozierà debito - fonte

lunedì 1 dicembre 2008 12:34
 

MILANO, 1 dicembre (Reuters) - Se andrà in porto l'ipotesi di aumento di capitale attualmente allo studio, Seat PGIT.MI rinegozierà i covenants al 2010, in attesa del 2011, anno in cui dovrà probabilmente ridiscutere con le banche il debito.

Lo dice una fonte finanziaria. "L'aumento di capitale, che ad oggi è ancora solo un'ipotesi, sarebbe finalizzato a rinegoziare i covenants sul debito fino al 2010, per dare a Seat maggiore flessibilità finanziaria e consentirle di investire nei nuovi business Internet", spiega.

"Dal 2011 non ci sono più covenants, nel 2012 scade però una grossa rata sul debito, per 550 milioni", aggiunge. "Nel periodo 2011-12 bisognerà probabilmente rinegoziare l'intero passivo".

Seat ha detto oggi in una nota di aver avviato contatti con Rbs (RBS.L: Quotazione) per "accrescere la flessibilità finanziaria nel quadro del vigente contratto di finanziamento senior".

Ha poi confermato lo spostamento in avanti del piano industriale. La presentazione del piano è rinviata alla conclusione delle trattative, i cui risultati sono attesi entro la fine di dicembre. Il cda Seat nei giorni scorsi ha discusso dell'ipotesi di aumento di capitale, finalizzato a rinegoziare i covenants, secondo quanto riferito da una fonte.

Il debito Seat a fine settembre era pari a 3,105 miliardi.