Americana Terex compra Fantuzzi per 175 mln, rinegozia debito

mercoledì 1 aprile 2009 12:57
 

MILANO, 1 aprile (Reuters) - Il gruppo americano Terex TEX.MI ha raggiunto un accordo per acquisire le attività di Fantuzzi e di Noell Crane, società di Reggio Emilia attive nella produzione di macchinari per la movimentazione portuale, per un prezzo di circa 175 milioni di euro. La cifra è inferiore rispetto a 215 milioni concordati in precedenza.

L'accordo chiude una vicenda che si trascinava da mesi. Prevede la rinegoziazione del debito con i creditori del gruppo Fantuzzi, al fine di assicurare un finanziamento a lungo termine, si legge in un comunicato.

Terex aveva annunciato l'acquisizione di Fantuzzi nell'agosto 2008 ma nel successivo novembre aveva fatto un passo indietro, parlando di "un cambiamento sostanziale sfavorevole" del business della società italiana.

Ne era nata una disputa legale, che si era intrecciata con gli sviluppi di un bond che in origine ammontava a 125 milioni. Il 31 gennaio scorso è scaduta l'ultima rata da 55 milioni dell'emissione, scadenza che gli obbligazionisti avevano già accettato di prorogarare nel luglio precedente.

Per il prossimo 6 aprile, secondo quanto riferisce una fonte vicina alla vicenda, è stata fissata, in seconda convocazione, una nuova assemblea dei bondholder, con all'ordine del giorno un altro allungamento della scadenza dell'ultima rata.

A questo punto, dato che l'ordine del giorno non è modificabile, spiega una fonte, è probabile che in occasione del closing dell'accordo con Terex venga convocata una nuova assemblea degli obbligazionisti, chiamata a prendere atto del cambiamento del creditore, ovvero non più Fantuzzi Industries ma Terex, che ha dato disponibilità a pagare la rata del bond.