Monetario, derivati stornano, o/n sotto 4%, attesa drenaggio Bce

lunedì 12 maggio 2008 12:25
 

MILANO, 12 maggio (Reuters) - Il mercato monetario vede stamane i futures sull'euribor in calo e un leggero allargamento dello spread con l'Eonia swap, in un movimento di aggiustamento dopo quello contrario di venerdì.

I tesorieri dicono che gli scambi sono però molto contenuti e poco significativi per via della giornata di vacanza oggi in alcuni stati della zona euro. Non cambiano per altro le aspettative del mercato rispetto alle prossime mosse della Bce, con una modesta possibilità (circa un 20%) di un taglio dei tassi verso la fine dell'anno.

Sul fronte della liquidità il mercato si sta preparanbdo alla chiusura del periodo rob domani. Poichè i conti sulla riserva presentano ancora un eccesso di numeri neri è atteso domattina un intervento fine tuning di drenaggio da parte della Bce nell'ordine dei 30-35 miliardi di euro.

"Mi sembra la classica seduta interlocutoria, con pochi scambi per l'assenza di una fetta di operatori. La gente aggiusta le posizioni e attende piuttosto i numerosi dati chiave della settimana" dice un tesoriere del mercato dei derivati.

Si è leggermente allargato lo spread e l'Eonia swap, visto come un indicatore del grado di fiducia delle banche circa le prospettive di liquidità e il rischio di credito.

Oggi la scadenza a tre mesi del tasso Euribor è stata fissata a 4,857%, nuovo massimo di 4 mesi, da venerdì 4,855%, mentre la stessa scadenza sull'Eonia swap è stata fissata stamane a 4,029%, con uno spread record di 82,8 pb.

"Restano le tensioni per il mercato del credito in relazione ai dati delle grandi banche internazionali che via via vengono resi noti" dice un altro tesoriere.

Sul fronte della liquidità i tesorieri stanno aggiustando i conti in vista della chiusura del periodo domani.

In base ai dati a disposizione al momento, risulta un eccesso di numeri neri sui 30-35 miliardi che la Bce, si attende, drenerà domani con un'operazione fine tuning.   Continua...