Servizi pubblici locali, Brunetta: guardiamo a ddl Lanzillotta

mercoledì 11 giugno 2008 13:42
 

ROMA, 11 giugno (Reuters) - Il governo si rifarà alle misure contenute nel testo originale del ddl presentato da Linda Lanzillotta la scorsa legislatura per liberalizzare i servizi pubblici locali.

Lo ha detto il ministro della Funzione pubblica Renato Brunetta rispondendo in commissione Affari costituzionali a Montecitorio proprio a una domanda della Lanzillotta, ministro degli Affari regionali nel secondo governo Prodi.

"Nei provvedimenti che il governo sta studiando ci si rifarà al suo lavoro, nella formulazione originaria e non nel testo modificato in Parlamento e questa sarà una delle vitamine che il governo metterà assieme agli antibiotici", ha detto Brunetta rivolto alla Lanzillotta.

Brunetta ha rilanciato in commissione la proposta di introdurre la class action anche nel settore pubblico per assicurare una maggiore "accountability" degli amministratori.

"Nella pubblica amministrazione la politica e il voto non sono sempre la sanzione più efficiente, quel che sto cercando di inventarmi è una sanzione ulteriore, di mercato. Nel mercato questo è facile, il cittadino vota con i piedi, se non è soddisfatto se ne va e non compra più i prodotti. Nella pubblica amministrazione è più complesso. Sto studiando una riformulazione della class action, che considero comunque positiva, un tema fondamentale tanto nel privato che nel pubblico", ha spiegato il ministro.