Btp chiudono in calo tranne 2 anni, spread con Bund tocca 63 pb

martedì 10 giugno 2008 17:37
 

 MILANO, 10 giugno (Reuters) - È proseguito oggi lento ma
inesorabile l'ampliamento dello spread fra i rendimenti dei
decennali di riferimento italiano e tedesco. Il differenziale è
arrivato infatti a toccare i 63 punti base.
 Il movimento è comunque in linea con lo svantaggio
registrato dai periferici rispetto ai core, mentre in generale
si assiste a un irripidimento della curva con un recupero dei
titoli a breve: con il Btp a due anni chiude in rialzo una
seduta negativa per il resto del comparto, coerentemente allo
Schatz che ha ridotto l'inversione della curva.
 "Si vede una certa depressione su tutto il settore dei
titoli di stato. Sul tratto 2-10 si è visto un ritorno
all'irripidimento sulla curva italiana, e un appiattimento
dell'inversione della pendenza su quella tedesca. I due anni
insomma recuperano su movimenti che definirei tecnici. Si tratta
di un assestamento del mercato dopo i movimenti delle ultime
sedute" dice un trader.
 Notevole era stata infatti nelle sedute precedenti la
riduzione del tratto 2-10 della curva Btp che ieri si era
momentaneamente azzerata ma che tuttavia non è arrivata
all'inversione, laddove la curva tedesca mantiene una pendenza
inversa ormai dalla scorsa settimana dopo le dichiarazioni della
Bce che prospettavano un rialzo dei tassi europei già il mese
prossimo. I titoli a breve scadenza sono quelli che risentono
più direttamente delle prospettive sui tassi d'interesse. 
 Lo spread fra i rendimenti dei Bund a 2 e 10 anni ha
sfiorato i -40 punti base, aggiornando il record dal lancio
della moneta unica nel 1999. I rendimenti dei titoli di stato a
breve erano infatti saliti sulle attese di rialzi dei tassi
d'interesse, mentre quelli delle scadenze più lunghe avevano
visto un calo. 
 Attorno alle 17,30 lo spread fra i rendimenti del 10 e del 2
anni è invertito di soli 15 punti base.
 Lo spread Italia/Germania rispecchia invece, secondo i
trader, il generale svantaggio dei periferici rispetto ai core.
 "Tutti i periferici perdono terreno rispetto a Germania, ma
anche Francia" dice un altro trader. 
 Stamane il derivato sul decennale tedesco, riferimento per
l'obbligazionario dell'intera zona euro, ha toccato i minimi di
contratto e i minimi degli ultimi 12 mesi per il futures,
rompendo al ribasso la soglia di 111 portandosi a 110,85.
 
===================== QUOTAZIONI 17,30 ==========================
                                 PREZZO     VAR.   RENDIMENTO
FUTURES BUND SETTEMBRE   FGBLU8   111,15   (-0,18)
BTP 2 ANNI (MAR 10)    IT2YT=RR    98,70   (+0,11)    4,851% *
BTP 10 ANNI (FEB 18)  IT10YT=RR    95,63   (-1,38)    5,119%*
BTP 30 ANNI (FEB 37)  IT30YT=RR    81,77   (-2,73)    5,303% *
======================= SPREAD (PB) ===========================
                                           CHIUSURA PRECEDENTE
TREASURY/BUND 10 ANNI   YLDS5     42                44       
BTP/BUND 2 ANNI         YLDS3     23                24       
BTP/BUND 10 ANNI        YLDS5     62                60    
BTP/BUND 30 ANNI        YLDS7     55                56       
BTP 10/2 ANNI                       26,8              15,8
BTP 10/30 ANNI                      18,4              16,9
===============================================================