Monetario, derivati poco variati, buon livello liquidità

mercoledì 30 luglio 2008 13:20
 

MILANO, 30 luglio (Reuters) - I derivati sui tassi sono in leggero rialzo, tra scambi tranquilli e mantendosi nel range di periodo che indica aspettative di una buona probabilità di un altro rialzo del tassi della Bce entro l'anno.

Sul mercato cash la situazione mostra un buon livello di liquidità e tassi stabili, con qualche preoccupazione solo per lo scavalco della fine mese.

"Il mercato monetario è tranquillo, con pochi player e pochi volumi, confermando le recenti visioni circa un altro rialzo dei tassi entro l'anno, prezzato con circa un 40% di probabilità" dice un tesoriere. "Successivamente la curva dei tassi si inverte e scende nel corso del 2009".

Sul tappeto restano i due temi antagonisti: da una parte un'inflazione galoppante che la Bce vuole frenare con le strette monetarie, dall'altra un'economia in rallentamento.

Oggi l'economic sentiment di luglio nella zona euro è peggiorato a 89,5, sotto le attese di un 93,0.

"Ma sul mercato c'è la convinzione che alla Bce interessi maggiormente tenere sotto controllo l'inflazione anche a scapito del rallentamento economico" dice un altro.

Intorno alle 12,45 italiane sulla curva Euribor il contratto a settembre FEIU8 è a 94,995 (inv.), dicembre FEIZ8 a 94,940 (+0,015) e marzo FEIH9 a 95,095 (+0,030).

Il tasso euribor a tre mesi è stato fissato oggi a 4,963% da 4,961% ieri. Il differenziale con il tasso Eonia swap, considerato un indicatore del grado di fiducia nel confronti del mercato del credito, si mantiene poco sopra i 60 punti base, dopo i livelli record di 80/90 raggiunti in primavera e a scavalco d'anno scorso. Prima dell'inizio della crisi, circa un anno fa, lo spread si aggirava tra i 5 e 10 punti base. Stamane lo spread sulla scadenza di 3 mesi è a 62,6 punti base.

Il mercato a contante gode di un clima disteso grazie a un buon livello di numeri neri, con la chiusura rob ancora lontana.   Continua...