Mutui Usa, tasso pignoramenti tocca livello record in trim1

giovedì 5 giugno 2008 17:09
 

WASHINGTON, 5 giungo (Reuters) - La crisi del mercato dei mutui subprime ha spinto i pignoramenti di case e il numero di abitazioni che stanno entrando nella procedura di pignoramento negli Stati Uniti sui massimi storici nel primo trimestre, con i rialzi che coinvolgono la maggior parte delle categorie di prestito immobiliare.

E' quanto emerge da un rapporto della Mortgage bankers Association, dove si precisa che a trascinare il tasso di prestiti falliti è stata l'ondata crescente di insolvenze sui mutui subprime.

I prestiti Usa all'inizio della procedura di pignoramento hanno toccato il picco dello 0,99% nei primi tre mesi dell'anno, a fronte del ben più modesto 0,58% nell'analogo periodo 2007.

Il tasso di mancati pagamenti sui mutui negli Usa è balzato al 6,35%, sui massimi dal 1979, quando il gruppo ha iniziato ad utilizzare l'attuale metodo di calcolo.

Nonostante molte regioni del Paese dovrebbero vedere scendere il proprio tasso entro la fine dell'anno, in una manciata di stati i problemi persisteranno a lungo, dice Jay Brinkmann, senior researcher di MBA.

Un terzo delle insolvenze e il 42% delle procedure di pignoramento si sono verificati nelle sole aree di Arizona, California, Florida e Nevada.

"Lì la grandezza del problema sta in qualche modo frenando gli sviluppi nel resto del paese", ha aggiunto Brinkmann.