4 luglio 2008 / 10:41 / 9 anni fa

Monetario, futures euribor sposta nuovo rialzo in primavera

MILANO, 4 luglio (Reuters) - Le parole di Trichet ieri hanno annullato sul mercato dei derivati sui tassi le aspettative di una nuova stretta monetaria entro l'anno, spostandola semmai alla primavera prossima.

Stabile invece necessariamente il tasso overnight, che solo con il prossimo p/t sentirà l'influenza del nuovo provvedimento della Bce. Poco variato, dopo il restringimento visto nell'ultimo mese, è anche lo spread tra euribor ed eonia swap, vista come una cartina al tornasole del grado di tensione sui mercati finanziari.

Ieri Trichet, dopo aver alzato i tassi di 25 punti base portando il riferimento al 4,25%, ha detto di non avere alcun 'bias' confermando, come Bce stava già dicendo da parecchio, che non ci saranno rialzi a raffica.

"Il mercato ne ha finalmente preso coscenza. Anche se esponenti della Bce ripetevano da tempo che il rialzo di ieri sarebbe stato un caso isolato" dice un tesoriere.

Fino a ieri il mercato scommetteva in rialzi consecutivi fino almeno alla prima metà dell'anno prossimo che avrebbero portato il tasso di riferimento al 4,75%.

"Oggi il mercato è più disteso e prezza semmai un rialzo fino al 4,50% nella prossima primavera" dice un tesoriere.

Dopo le 12 italiane il futures a settembre sull'Euribor quota 94,97 in recupero di 0,015, il dicembre è a 94,855 invariato, il marzo 2009 è a 94,880 (+0,015), mentre giugno è a 94,940 (+0,050).

Il tasso euribor è sceso leggermente oggi con la scadenza a tre mesi fissata stamane a 4,959% da 4,966% di ieri, mentre è rimasto pressochè invariato a 65 punti base lo spread rispetto al tasso corrisondente dell'Eonia swap, fisato stamane a 4,308%.

Tale spread, che indica quanto le banche chiedono in termini di rischio alle loro controparti bancarie in occasione dei prestiti di fondi, aveva visto un allargamento fino ai 90 punti base in occasione dello scavalco d'anno e da circa un mese ha iniziato a stringersi. Prima dell'inizio della crisi finanziaria un anno fa circa, lo spread era tra i 5 e i 7 punti base.

VERSO CHIUSURA PERIODO, ATTESO FINE TUNING DRENAGGIO DA 27 MLD

Sul mercato cash il tasso overnight è rimasto invariato da ieri sotto l'attuale livello del tasso di riferimento del 4% e quota 3,88-3,93% a fronte di una media Eonia fissata ieri a 3,938% EONIA.

Il nuovo tasso del 4,25% sarà effettivo infatti dal prossimo p/t che cade sul 9 luglio, dopo il quale i tesorieri si attendono che "comunque l'overnight rimanga un po' sotto il nuovo livello, attorno a 4,22/23%".

In più il mercato cash si sta preparando alla chiusura del periodo di mantenimento della riserva obbligatoria, per la quale al momento emerge un eccesso di numeri che avranno bisogno di un drenaggio da parte della Bce martedì prossimo. Le stime, in base ai dati ora a disposizione, indicano la necessità di un'operazione di fine tuning di drenaggio di 27 miliardi su martedì.

Il saldo di ieri è risultato, in linea con le attese, a 175,065 miliardi con 197 miliardi di numeri neri. Il saldo di oggi è visto a 180 miliardi con 103 miliardi di numeri neri a domenica sera, mentre il saldo di lunedì è visto a 185 miliardi con 76 miliardi di numeri neri.

Ulteriori dettagli sulla liquidità in Europa e in Italia alle pagine Reuters ECB40 e BITS.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below