Bond Milano, Comune non esclude di costituirsi parte civile

mercoledì 2 luglio 2008 12:58
 

MILANO, 2 luglio (Reuters) - Il Comune di Milano non esclude di costituirsi parte civile nella vicenda che vede indagati diversi funzionari delle banche che hanno gestito l'emissione del bond da 1,7 miliardi nel 2005 e le successive operazioni di finanza derivata.

Lo ha detto il sindaco Letizia Moratti rispondendo alle domande dei giornalisti a margine dell'assemblea generale di Assimpredil Ance.

"Non abbiamo assolutamente escluso di costituirci parte civile. Naturalmente dobbiamo esaminare tutta la documentazione così come ci verrà sottoposta dall'audit e dall'advisor finanziario" ha detto Moratti ricordando che "il Comune si è già organizzato per avere a brevissimo un audit e un advisor esterno".

Rispondendo a una domanda sull'intervento della Gdf che ieri è andata a Palazzo Marino per acquisire la documentazione della gara vinta dalle quattro banche nel giugno del 2005, il sindaco ha detto di non essere personalmente informata.

"Non sono personalmente informata. Sono certa che gli uffici collaboreranno pienamente".

La settimana scorsa diversi funzionari delle banche coinvolte -- Depfa Bank, Deutsche Bank, Jp Morgan e Ubs -- sono stati iscritti sul registro degli indagati per truffa ai danni del Comune. Le sedi italiane degli istituti sono state sottoposte a perquisizione.