Monetario, seduta tranquilla in attesa p/t a 1 anno mercoledì 16

venerdì 11 dicembre 2009 12:37
 

MILANO, 11 dicembre (Reuters) - Seduta tranquilla in un mercato focalizzato principalmente sulle aste della prossima settimana.

Con l'operazione di rifinanziamento a un anno di mercoledì prossimo si chiuderà infatti il ciclo delle tre aste a dodici mesi a tasso molto vantaggioso fatte dalla Banca centrale europea nell'anno in corso per assicurare alle banche una liquidità abbondante. Una misura straordinaria che Francoforte ha già detto di non voler ripetere il prossimo anno.

Sull'ammontare che verrà richiesto c'è grande incertezza.

Ieri un nuovo sondaggio Reuters tra gli operatori del mercato monetario ha indicato una forchetta molto ampia tra 25 e 200 miliardi.

"Io penso che verranno chiesti tra i 40 e i 50 miliardi", commenta un operatore. "Alle condizioni offerte andrà a prendere fondi in Bce infatti soltanto chi ne ha veramente bisogno, e non sono molti".

Anche sulla Grecia le preoccupazioni non sono particolamente rilevanti, nonostante l'invito della banca centrale del paese agli istituti nazionali a non ricorrere, se possibile, all'asta a un anno della Bce.

"Le banche greche comunque rivestono soltanto una piccola parte nel totale degli istituti della zona euro. Anche se venissero meno le loro richieste, non ci sarebbe un impatto forte sulla domanda complessiva".

Tutto fermo, invece, sul fronte dei tassi: l'Euribor a 3 mesi e l'analoga scadenza dell'Eonia swap sono rimasti entrambi fermi rispettivamente allo 0,714% e allo 0,404% con il differenziale a 31.

L'Eonia è stato fissato ieri sera allo 0,351% dal precedente 0,352%, l'overnight tra lo 0,33% e lo 0,34%.   Continua...